Coronavirus: alcune buone “norme di sopravvivenza”

1) Non credere a tutto quello che circola sui social e su whatsapp. 2) Usare solo fonti ufficiali per informarsi e seguire le precauzioni da queste indicate
Grazia Pia Prencipe - 27 Marzo 2020

Vorrei condividere con voi alcune buone “norme di sopravvivenza” , in questo momento estremamente complicato, che nessuno di noi avrebbe mai pensato di vivere.

Innanzitutto non credere a tutto quello che circola sui social e su whatsapp: un esempio su tutti, acqua calda e limone pare curino qualunque condizione, dal mal di gola al cancro, da anni… Di sicuro non vi farà male, ma non spererei nel suo potere “curativo”.

Solo fonti ufficiali

    1. Usate solo fonti ufficiali per informarvi, come il sito del Ministero della Salute (http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus), dove troverete, oltre agli aggiornamenti sui nuovi casi, anche le smentite di diverse fake news circolanti.
      Un altro sito utile è quello dell’Istituto Superiore di Sanità, (https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/aggiornamenti), il quale propone anche consigli e suggerimenti su come avere stili di vita corretti in questo periodo, sulle attività motorie da poter fare con i bambini in casa e non meno importante, le traduzioni dei documenti di valutazione del rischio prodotti dall’ECDC (European Center for Disease Control and Prevention), ovvero il Centro Europeo per il Controllo delle Malattie Infettive.
    2. Eviterei di passare le giornate alla ricerca di informazioni, poiché quelle davvero importanti vengono comunicate tempestivamente da tutti i media, e incappereste inevitabilmente in una montagna di fake news che finiscono per alimentare la paura.La paura tuttavia è nostra amica se serve a prendere tutte le precauzioni necessarie a limitare la diffusione del virus. Soprattutto perché parliamo di un virus di cui ancora non conosciamo bene le caratteristiche, pertanto meglio esagerare in prudenza.

Quali Precauzioni?

Passiamo alla pratica, cosa dobbiamo fare?

    1. Cominciamo dal mantenere la distanza minima di un metro dalle altre persone e dall’uscire il meno possibile, cercando di fare la spesa una-due volte alla settimana al massimo, indossando sempre una mascherina e dei guanti usa e getta se possibile.
    2. Le mascherine chirurgiche, quelle più semplici composte da diversi strati di carta, sono usa e getta, pertanto non vanno riutilizzate (sarebbe molto rischioso). Inoltre sarebbero da cestinare prima dell’ingresso in casa, insieme ai guanti eventualmente usati, così da lasciare il virus all’esterno.
    3. Appena tolti i guanti sarebbe buona norma usare una soluzione a base alcolica per disinfettare le mani, e lavarle bene con acqua e sapone alla prima occasione (strofinando bene tutte le parti delle mani: palmo, dorso, spazi interdigitali, prestando particolarmente attenzione al pollice e alla punta delle dita che vanno fatte ruotare sul palmo).
    4. Sarebbe bene anche evitare di usare il cellulare mentre facciamo commissioni, in modo da non contaminarlo, oppure dobbiamo disinfettarlo imbevendo un fazzoletto di carta con un po’ di soluzione a base alcolica. Buona norma sarebbe anche evitare di camminare in casa con le scarpe con cui usciamo.
    5. Per finire, non bisogna uscire assolutamente se si ha qualunque sintomo respiratorio, dal “naso che cola” fino a tosse e starnuti. Infine, per qualsiasi dubbio chiamate il vostro Medico di famiglia.

Seguendo poche regole ce la faremo!

Aggiungiamo un box sui vari tipi di mascherine, chi le deve usare e perché

 

Tipo di mascherinaChi deve usarlePerché
FFP3 con valvola
(di esalazione)
Personale operante
nei reparti in cui
sono ricoverati soggetti
con COVID19
La devono indossare
molte ore e devono
proteggersi
dal contagio poichè
sono a contatto
con soggetti con COVID19
accertato.
La valvola fa uscire l’aria
in espirazione ma ne
impedisce
‘ingresso, impedendo
quindi anche l’ingresso
del virus.

———————————–
FFP2 con valvola
(di esalazione)
Soccorritori
(es personale 118)
Potrebbero entrare in contatto
con soggetti con COVID19.
Anche loro devono indossare
la mascherina per molte
ore consecutive.
———————————
FFP2 senza valvola

 

Forze dell’Ordine e
Medici a contatto
con pazienti
(es. Medici di Medicina
Generale o della
Guardia Medica)

Devono indossare
la mascherina
molte ore ma non devono
rilasciare le proprie esalazioni
poiché potrebbero essere
essi stessi fonte del virus.

——————————–
Mascherine
chirurgiche
(o fatte in casa)
TUTTI GLI ALTRI
in qualunque occasione
si esca da casa,
sia se si va a lavorare, sia
se si va a fare commissioni.
Le mascherine
chirurgiche
o quelle di tessuto
servono ad evitare
che i soggetti,
in particolare
i portatori
asintomatici,
diffondano il virus.
———————-

 

 Grazia Pia Prencipe


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti