Falso allarme per Dudù – I “black box” di Daniela – “Giggì, nun è cosa” – David Shrigley e il David di Michelangelo

Fatti e misfatti di dicembre 2013
Mario Relandini - 3 Dicembre 2013

Falso allarme per Dudù

“Non è vero come è stato denunciato dall’associazione animalista “Aidaa” – è dovuto intervenire, in una trasmissione Rai, il veterinario Federico Coccia – che il cagnolino berlusconiano Dudù sia stressato e venga alimentato in modo scorretto”.

Dudù, insomma, mangia sano ed è in ottima forma. Meno male: l’Italia può tirare un sospiro di sollievo.

I “black box” di Daniela

“Sono stata trattata – ha protestato Daniela Santanché dopo la condanna comminatale per avere protestato in piazza contro l’uso del “burqa” in Italia – come un black box””.

Come, cioè, un ricovero nero di auto o di cavalli o come un nero recinto dove far giocare i bimbi in tutta sicurezza? Mai sentito, però, che simili siti siano stati condannati anche dal giudice più “manettaro”. Ma la Daniela, forse, voleva dire “black bloc”. Le si è aggrovigliata, magari, la lingua di pitonessa.

“Giggì, nun è cosa”

“Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, aveva invitato con orgoglio, all’inaugurazione di una nuova stazione della metropolitana, il Ministro alle Infrastrutture, il Governatore della Campania, tante altre autorità civili, militari e religiose, ma – hanno dovuto annotare i cronisti – quando tutti stavano scendendo verso la banchina, la scala mobile si è guastata e ha lasciato tutti a metà strada”.

Adotta Abitare A

Qualche secondo di sbigottito silenzio, poi, per sdrammatizzare, qualche “battuta” seppure impacciata. Con una voce, però, dall’alto: “Giggì, ‘o sindaco, pe’ te, nun è cosa. Lassa stà. Turna a la casa. Facce campà”.

David Shrigley e il David di Michelangelo

“Quando il celebre scozzese David Shrigley ha presentato la sua opera a quel “Turner Prizer” che viene definito il più prestigioso premio riservato ad artisti “under 50” i quali operano in Gran Bretagna – è giunta notizia, invece, da Londra – i “bookmakers” avevano puntato sulla sua vittoria”.

Il celebre scozzese David Shrigley, anche se per un soffio, non ha invece vinto. E molti lo hanno considerato un grave insulto al sublime della “nuova arte” perché l’ “opera” – che diamine – consisteva in un manichino completamente nudo, per di più rachitico, nell’atto di orinare in un secchio ai suoi piedi. Altro che il David di Michelangelo…

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti