Giù le mani dal Riserva Naturale della Valle dell’Aniene

Qualcuno dovrebbe spiegare al Comune di Roma e alla sua Giunta che cosa è un Parco o una Riserva Naturale. Quello che certamente “non è” un territorio da cui disporre a piacimento regalando terre come già avvenuto in passato con il Parco Naturale della Cervelletta.

Secondo quanto riportato sul sito del Senato della Repubblica: “Le riserve naturali, analogamente ai parchi naturali regionali, sono costituite da aree terrestri, fluviali e lacuali. Rispetto ai parchi naturali regionali, i requisiti sono differenti; le riserve naturali devono contenere una o più specie naturalisticamente rilevanti della flora e della fauna, ovvero presentano uno o più ecosistemi importanti per le diversità biologiche o per la conservazione delle risorse genetiche.” Ecosistemi che vanno protetti senza l’invasione di macchine agricole, pesticidi e la creazione di ambienti che influiscono sulla presenza di animali e piante nel territorio.

Con la pubblicazione a fine ottobre 2023 da parte del Comune di Roma del bando per l’assegnazione di terre agricole, sono molte le incongruenze emerse su diversi terreni della Riserva Naturale della Valle dell’Aniene nel IV Municipio:
• Le aree sono completamente aperte e pubbliche e presentano un’alta fruizione da parte dei cittadini anche grazie ad un’ampia sentieristica ciclo-pedonale.
• L’area messa a bando non è destinata allo sfruttamento agricolo ma è un ecosistema protetto. È una componente essenziale della rete ecologica urbana istituita con Legge Regionale.
• L’area costituisce una parte della piana alluvionale del fiume Aniene e viene allagata regolarmente in occasione delle piene periodiche del fiume.
La Riserva Naturale dell’Aniene è fruita ed apprezzata dai cittadini del territorio così com’è e non ha bisogno di cambiamenti che la stravolgano.

Dal post emesso ieri dall’Associazione Insieme per l’Aniene APS: “AGGIORNAMENTO IN MERITO AL BANDO PER L’ASSEGNAZIONE DELLE TERRE AGRICOLE – 22 DICEMBRE 2023.
In seguito all’incontro tecnico e al sopralluogo tenutosi in data 21/12/2023 per gli interessati a partecipare al Bando per l’assegnazione di terreni agricoli di proprietà comunale – Lotto 2-Valle dell’Aniene, cui hanno partecipato l’agronoma di riferimento e i referenti dell’Assessorato Ambiente del Comune di Roma, e in considerazione delle ulteriori criticità emerse in aggiunta a quanto già rappresentato via PEC dall’Associazione Insieme per l’Aniene, si è richiesto con urgenza un incontro ai referenti dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma, al fine di pervenire all’immediato stralcio dell’intero Lotto 2 dal bando in oggetto.
Firmatari
Le Associazioni e gli abitanti del territorio”

L’Associazione Vivere a Colli Aniene si schiera per la protezione del territorio e invita le altre associazioni territoriali a fare lo stesso e chiede al Comune di Roma di ritirare il provvedimento. Le aree naturali vanno protette e non regalate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati