Gli incredibili 180 miliardi che non pagano dazi né iva – Il Walter mancato africano

Fatti e misfatti di agosto 2015
Mario Relandini - 31 Agosto 2015

Gli incredibili 180 miliardi che non pagano dazi né iva

“In Italia – ormai – entra merce, per 180 miliardi di euro, che non paga né dazi né iva e sottrae, così, 40 miliardi alle casse dello Stato”.

I dati non sono di Pinco Pallino, ma dell’Agenzia delle dogane e della Guardia di Finanza. E allora, però, c’è da osservare che, se l’Agenzia delle dogane e la Guardia di finanza hanno potuto fare conti così precisi, significa che conoscono bene il fenomeno, dove il fenomeno nasce e si alimenta, chi il fenomeno gestisce. E dunque, se tutto questo conoscono, c’è da chiedersi perché non viene fermato il fenomeno, chi lo alimenta e chi lo gestisce. Mancanza di disposizioni politiche? Mancanza di efficienza propria? Mancanza di mezzi? O che cosa? Tutte ipotesi, in ogni caso, molto gravi. E che andrebbero verificate. Almeno prima di decidere altre tasse ai cittadini e, in particolare in questo caso, ai piccoli e medi commercianti italiani. O no?

Walter Veltroni

Walter Veltroni

Il Walter mancato africano

“Walter Veltroni – decisione presa ufficialmente – diverrà firma autorevole del quotidiano romano “Corriere dello sport”. La sua intervista al “pluri-mister” Fabio Capello in occasione della partitissima Roma-Juventus, dunque, non è stato un fatto sporadico, ma l’inizio di una collaborazione a tutti gli effetti”.

Ma – si è domandato di nuovo qualcuno – Walter Veltroni non aveva più volte promesso che, compiuti i 55 anni, si sarebbe trasferito in Africa? Ora che ne ha compiuti addirittura 60, però, sta ancora saldamente in Italia. E sta continuando a fare di tutto meno che il biglietto aereo per il Continente nero. E non lo sta facendo, per carità, perché respinto dal nero della carnagione degli indigeni. Ma oggi, molto probabilmente, dal nero dei vessilli dei terroristi islamici. Gentaccia che continua ad uccidere e ad abbattere vecchi e prestigiosi monumenti. E che non farebbe eccezione, sicuramente, nemmeno per un vecchio e prestigioso monumento come lui. E, allora, molto meglio dedicarsi al calcio narrato. Forza Walter. Olé.

Vergogne Rai

Dar Ciriola

Il riciclaggio dei programmi – da parte della Rai – sta raggiungendo limiti vergognosi: trasmissioni, tra l’altro già ripetute negli anni scorsi, vengono riproposte ancora quest’anno”.

Indecente. Ma, forse, il nuovo Consiglio di amministrazione potrebbe decidere onestamente, per l’anno prossimo, di scusarsi: diminuendo e non aumentando il canone. Dopo avere terminato vittoriosamente, per carità, la dura battaglia per avere ogni consigliere, alla faccia della “spending review”, una grande stanza ciascuno.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti