Hanno fallito anche gli spaghetti con le sarde – Un Rosario per Messina – Comici in politica

Fatti e misfatti di ottobre 2015
Mario Relandini - 29 Ottobre 2015

Hanno fallito anche gli spaghetti con le sarde

“Ignazio Marino – nel primo pomeriggio di oggi – ha revocato le sue dimissioni da sindaco di Roma e ha deciso di andare fino in fondo nella sfida al suo partito, il Pd, che di lui vorrebbe invece giustamente disfarsi”.

marino ignA nulla è servito, come comunque previsto, il pranzo in casa del vicesindaco Marco Causi – presenti l’Ignazio, il commissario pd romano Matteo Orfini e quattro assessori, due di qua e due di là – a base di ottimo “Chardonnay” delle Langhe e di un piatto di spaghetti alle sarde. L’Ignazio, infatti, non ha digerito il “te ne devi andare senza condizioni” e, magari, neppure gli spaghetti alle sarde. Cosicché, dopo una notte travagliata e una mattinata in attesa dell’effetto del bicarbonato, nel primo pomeriggio l’annuncio della revoca con l’illusione di poterla, alla fine, avere vinta lui. Illusione perché il Pd gli ha subito preparato un piatto ancora più pesante e indigesto degli spaghetti alle sarde: le dimissioni di tutti gli assessori e di tutti i consiglieri del partito. Una pasta e fagioli, insomma, con tante cotiche e tanto peperoncino. A prova di bicarbonato.

Un Rosario per Messina

“Messina – per una frana che ha danneggiato l’acquedotto di Fiumefreddo – è ormai da sei giorni senz’acqua”.

Ma il presidente della Regione Rosario Crocetta è in Egitto, il “premier” Renzi è a Cuba, il Ministro dell’ambiente chissà dov’è. E così è sceso in campo, anche in questa occasione, un comico: Rosario Fiorello. Il quale si è fatto più serio dei rappresentanti delle Istituzioni e li ha invitati ad intervenire con urgenza. L’augurio dei messinesi è che almeno un Rosario possa ora risolvere, finalmente, il loro Inferno.

Comici in politica

“E’ stato eletto Presidente – in Guatemala – il comico Jimmy Morales”.

Sembra che il comico nostrano Beppe Grillo abbia riso sotto i baffi.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti