Ignazio e il “welfare aggratis” – Politica e “macumba”

Fatti e misfatti di luglio 2015
Mario Relandini - 13 Luglio 2015

Ignazio e il “welfare aggratis”

“Il sindaco di Roma, Ignazio Marino – il quale, dopo le defezioni di assessori, consiglieri, segretarie e dirigenti amministrativi, è rimasto quasi solo – ha assunto, per rilanciare il “welfare” nella Capitale, insieme con lui, un bravo giovane di 24 anni”.

Ottima decisione, indubbiamente, se non fosse che il bravo giovane di 24 anni non verrà remunerato nemmeno con un centesimo. Bel modo e bel segnale per cominciare a rilanciare il “welfare” nella Capitale. Ma, ormai, lo sanno anche i “sampietrini”: Marino è Marino. Lui è così. Con la sua logica e con i suoi provvedimenti che, troppo spesso, hanno ben poco a che vedere con la sinistra che lo ha eletto.

Politica e “macumba”

“Abbiamo visto – così i “forzisti” Maurizio Gasparri e Mariastella Gelmini hanno commentato l’annuncio della costituzione di un gruppo autonomo di “verdiniani” al Senato – quale misera fine abbiano fatto, politicamente ed elettoralmente, i precedenti dissidenti come Gianfranco Fini, Angelino Alfano e Raffaele Fitto”.

La “macumba” è dunque partita. E, magari, anche un rito di “magia nera”. Sarà interessante constatare se il bambolotto Denis Verdini rimarrà paralizzato dagli spilloni di qualche altro stregone o di qualche altra streghetta di “Forza Italia”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti