Il bello di Denis – Camorra rossa? – Previdente Roberto – Diego il fortunato

Fatti e misfatti di settembre 2015
Mario Relandini - 24 Settembre 2015

denis-verdini1Il bello di Denis

“E ora che i dissidenti pd sembrano avere fatto pace con Matteo Renzi – si è preoccupato Denis Verdini il quale aveva contato di passare, alla storia e alla cassa, perché indispensabile nel salvataggio del Governo sulle leggi costituzionali – ora che faccio?”

Ma il Denis da “la bela chioma bianca… fuori la palanca, fuori la palanca” non è tipo di preoccuparsi a lungo. Eccolo lì pronto, così, con il suo “piano b”: pronto ad acchiappare quei pochi del “Nuovo Centro Destra” i quali continueranno a restare nel partito, per sostenere il “premier”, sottraendoli ad un Angelino Alfano sempre più in difficoltà. Tanto è vero che il Denis ha già in mente di formare un suo forte movimento politico con la scritta, nel simbolo, “Per Renzi”. Inesauribile Denis: dopo avere uccellato Berlusconi, ora sta per uccellare Alfano. Anche questo, signora mia, è il “bello” dell’italica politica.

Camorra rossa?

“Dopo che Isabella Conti – giovane sindaco pd di San Lazzaro di Savena – ha opportunamente e coraggiosamente bloccato il progetto per la costruzione di quasi seicento villette in un’area ex agricola di stupendo valore panoramico, ha cominciato a ricevere violente pressioni ed esplicite minacce soprattutto sul suo cellulare”.

San Lazzaro di Savena è in una zona del Sud controllata dalla camorra? No: è in una zona dell’Emilia controllata dalle cooperative soprattutto “rosse”. E infatti, a realizzare il devastante progetto, avrebbe dovuto essere un Consorzio con due ditte private, sì, ma anche con la “Cesi” di Imola e con la Coopcostruzioni” di Bologna. Non poteva che intervenire la Magistratura. Ma come si comporterà, invece, il “premier” Renzi? Perché, mentre aveva incoraggiato il sindaco Isabella Conti ad andare avanti “a testa alta e senza paura”, si è ora scoperto che Benedetta, la sorella di Matteo, è stata chiamata, come assessore alla scuola nel Comune di Castenaso, da quel sindaco Stefano Sermenghi il quale è tra coloro che, per il “caso San Lazzaro di Savena”, sono sotto la lente dei magistrati inquirenti. Insieme, cioé, ad altri quattro, imprenditori ed amministratori, fra i quali, anche, il direttore generale di “Legacoop”, Simone Gamberini.

Previdente Roberto

“Il dissidente pd Roberto Speranza – non è passato inosservato – ha ordinato al ristorante della Camera, poco prima dell’inizio della Direzione del suo partito, una vera montagna di dolcissimo “profiterol””.

Previdente Roberto: una montagna di dolcissimo “profiterol” prima dei cavoli amari in Direzione.

Diego il fortunato

“Per conordare il restauro del Colosseo a Roma – ha confidato Diego Della Valle al “Financial Times” – ho dovuto incontrare ben sei Ministri, ma almeno quattro imbecilli”.

Beh, gli è andata anche bene.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti