Il Presepe vivente della Casa Famiglia L. Pavoni

L’8 e 9 dicembre, la rappresentazione nell’oratorio della Parrocchia San Barnaba
Mauro Caliste - 27 novembre 2018

Ottava rappresentazione l’8 e 9 dicembre 2018 del Presepe vivente della Casa Famiglia Lodovico Pavoni nell’oratorio della Parrocchia di San Barnaba, in via Bufalini 46 (Torpignattara).

L’organizzazione inizia già da ottobre e vede impegnati decine di volontari della Casa Famiglia per realizzare costumi e strutture che rappresentano la Natività. In questa ottava edizione, ci saranno, tra l’altro, circa 20 botteghe, dal cestaio al falegname, dal vasaio alla maga, al calzolaio, al fabbro, e tante altre.

Occorrono quindici giorni per il montaggio di tutte le strutture e saranno impegnati circa 100 volontari (sarte, falegnami, fabbri, figuranti e costumisti) iscritti alla Casa Famiglia, e saranno coinvolti molti degli 80 bambini della Casa Famiglia, seguiti dai volontari nelle molteplici attività nei 250 mq di struttura della Casa.

L’Associazione Casa Famiglia Lodovico Pavoni opera, fin dalla sua fondazione nel 1996, e grazie all’impegno, alla caparbietà e alla fede incrollabile del suo fondatore Padre Claudio Santoro e di molti amici, in una situazione territoriale caratterizzata da forte disagio sociale e culturale, carente di luoghi di aggregazione, di sostegno e d’incontro.

Lo scopo principale quello di aiutare i ragazzi , i portatori di handicap e le famiglie in difficoltà dell’area di Torpignattara Marranella dell’allora Circoscrizione 6 oggi Municipio 5. Ed è ormai diventata una consuetudine vedere nel pomeriggio Padre Claudio Santoro con Clara Fantini, la direttrice, girare per le strade del quartiere con il pulmino per andare a prendere i bambini della Casa fuori le scuole. I bambini piccoli dopo aver fatto merenda, giocano con i volontari, mentre quelli scolarizzati fanno i compiti insieme ai volontari.

Sono diversi i progetti della Casa Famiglia, dall’aiuto a ragazzi adolescenti con difficoltà d’inserimento nel mondo della scuola e del tempo libero, alla lotta contro la dispersione scolastica dei ragazzi svantaggiati, al sostegno economico e morale alle famiglie in difficoltà e all’aiuto nell’inserimento e nell’integrazione nel tessuto socioculturale di famiglie e ragazzi extracomunitari. Senza perdere i valori di ogni etnia.

Il sostentamento della Casa Famiglia proviene da benefattori non solo del quartiere, ma anche da tutta Roma. È diventato ormai un appuntamento da non perdere, per esempio, nel periodo primaverile, la cena medievale dove vengono raccolti fondi per il sostentamento dell’associazione.

L’appuntamento del Presepe vivente, oltre che riscoprire la tradizione cattolica della Natività, rientra nelle iniziative di integrazione tra le numerose presenze nell’Associazione dove le diversità di nazionalità, di colore della pelle, di cultura, sono un valore aggiunto nella crescita dei piccoli e grandi frequentatori dell’Associazione.

L’appuntamento per la rappresentazione del Presepe Vivente è per l’8 e 9 dicembre nei seguenti orari: 9,30 – 11,00 – 12,30 – 17,00.

Nevicherà come nelle passate edizioni? Per scoprirlo basta accorrere numerosi come sempre.

 

Mauro Caliste


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti