Categorie: Associazioni Cultura
Municipi:

Il Rotary di Roma Sud Est racconta i suoi primi 40 anni

Giovedì 4 ottobre 2018 si è tenuta una conferenza stampa a mezzo della quale il Rotary Club di Roma sud Est ha sentito l’esigenza di raccontare i suoi 40 anni di attività, di aprirsi e raccontarsi anche per trovare nuova linfa nel tessuto sociale di cittadini e cittadine che condividano obiettivi e che siano disposti ad investire il loro tempo e/o la loro professionalità in progetti a finalità benefica.
In questo ultimo anno il Rotary si è dedicato a progetti di solidarietà nell’ambito dello sviluppo sanitario dei paesi del terzo mondo, riabilitazione equestre, attività in sostegno delle mamme con il progetto Salvamamme di cui a breve sarà on line il sito.
Anche il settore cultura e green non vengono lasciati in secondo piano grazie ai progetti in corso di svolgimento nel parco di Veio, come spiegato da Simonetta Bertusi De Introna: “Gli obiettivi principali – dice – sono recuperare i resti di un’antica villa romana con impianto termale e creare un orto botanico in cui, tra l’altro, coltivare piante che abbiano effetti benefici sulla salute”.

Per sapere di più su queste ed altre attività il sito di riferimento è http://www.rotaryromaest.it/

Fondato il 23 febbraio 1905 a Chicago, il Rotary International è una delle più antiche e prestigiose organizzazioni di servizio del mondo e comprende circa 32.000 Club in 168 Paesi, aperta ad ogni razza, cultura, confessione, rigorosamente apolitica e agovernativa. I suoi soci formano una rete internazionale di professionisti, uomini e donne d’affari, leader nei propri diversi settori, che dedicano tempo ed energie al servizio delle loro comunità e del mondo, con elevato spirito di servizio, allo scopo di promuovere il rispetto di elevati principi etici nell’esercizio di ogni professione e contribuire alla costruzione di un mondo fondato sull’amicizia, la pace e la comprensione internazionale. Il motto rotariano, “Servire al di sopra di ogni interesse personale”, esemplifica lo spirito umanitario degli oltre 1,2 milioni di soci, caratterizzato da un forte affiatamento tra di essi e da importanti progetti di servizio locali e internazionali. Il Rotary entra nel mondo attraverso la sua Fondazione Rotary (R.F.), che, con l’impiego dei fondi di cui dispone, ottenuti mediante versamenti volontari dei soci, di benefattori anche esterni, ed eredità, distribuisce, a livello mondiale, annualmente, milioni di Dollari USA. Questi fondi vengono impiegati per l’elargizione di borse di studio internazionali, l’attuazione di scambi culturali, progetti umanitari ed educativi, aventi lo scopo di elevare la qualità della vita di milioni di persone e perseguire la pace nel mondo. Il Rotary è considerato il più grande fornitore privato di borse di studio internazionali. La Fondazione Rotary del R.I. è un ente morale creato per sostenere il Rotary International nel conseguimento dello Scopo del Rotary e nella promozione dell’intesa e della pace tra i popoli mediante programmi culturali, educativi ed umanitari condotti a livello locale, nazionale ed internazionale, attuati dai club e dai distretti, che fanno domanda di sovvenzioni per intraprendere progetti di servizio in tutto il mondo. I Club che intendano condurre progetti ed iniziative di servizio, sono tenuti a indirizzarsi su nove aree principali d’intervento: Infanzia a rischio, Assistenza ai disabili, Sanità, Intesa e tolleranza tra i popoli, Alfabetizzazione, Problemi demografici, Povertà e fame, Protezione ambientale e Problemi urbani.

Per tutte queste attività è necessaria una fitta rete di persone che abbiano voglia di impegnarsi e Federico Capoluongo presidente dell’anno 2018/2019  sottolinea proprio questo aspetto: “Per me è un onore, essere stato chiamato e ricoprire il ruolo di 37° presidente del club, per portare avanti questo club, verso un futuro che continuerà a vederci protagonisti e portatori di valori e sentimenti, la nostra amicizia, il nostro spirito di servizio, il nostro modo di cercare di migliorare il mondo che ci circonda e noi stessi, ogni giorno”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento