IV Municipio, Casal Bruciato: “Cittadini senza riscaldamento. Per Raggi le periferie sono solo passerelle”

Così in una nota Rachele Mussolini (Lista Civica “Con Giorgia”), e gli esponenti di Fratelli d'Italia Federico Rocca, (FdI), Francesco Castellani e Ida Paoletti
Redazione - 22 Dicembre 2020

 

«Ancora una volta Casal Bruciato e i suoi abitanti vengono dimenticati da Raggi e dai 5stelle: 150 famiglie sono, ormai da giorni, senza riscaldamento.

Già lo scorso inverno era accaduto che, per protesta contro il mancato funzionamento dei riscaldamenti, gli abitanti di via Diego Angeli scendessero in strada e appiccassero il fuoco a vecchi mobili e cartoni, bloccando la strada con i cassonetti. Quest’anno è toccato agli abitanti delle palazzine di Via di Casal Bruciato, ai civici 25 e 27, subire tale sorte e dover far sentire la propria voce alle istituzioni: da domenica scorsa, infatti, ben 150 appartamenti sono senza riscaldamento, a causa del malfunzionamento degli impianti. Le proteste dei cittadini, alle prese non soltanto con il riscaldamento che non funziona ma anche con diverse infiltrazioni d’acqua all’interno di alcune abitazioni, sono finora cadute nel vuoto. Si tratta di un problema che sta colpendo prevalentemente persone anziane e famiglie con disabili; nei giorni scorsi si è dovuto addirittura ricorrere ad una colletta tra gli inquilini per pagare una riparazione urgente in un appartamento allagato in seguito alla rottura di una tubazione.

Per queste palazzine, la cui vendita da Enasarco ad Ater da tempo preannunciata non si è ancora concretizzata, era stata anche promessa una gara di appalto per una serie di interventi di riqualificazione pari a 8,1 milioni di euro, ma nulla ancora sembra sia stato fatto.

Ci chiediamo il motivo per il quale la Sindaca Raggi si ricordi del IV Municipio solo quando sente il bisogno di fare passerella, come accadde quando, tra le proteste dei cittadini, decise di presentarsi, ovviamente ben scortata, per accompagnare una famiglia Rom che prendeva in assegnazione un alloggio popolare a Via Sebastiano Satta, proprio alle spalle di via di Casal Bruciato, l’8 Maggio dello scorso anno. Ma di inaccettabili disservizi e dello stato di profondo disagio che a Casal Bruciato si ripetono ormai da anni, non si preoccupa di certo.

Vorremmo sapere se e quando, speriamo al più presto, Roma Capitale, Enasarco o Ater vorranno intervenire per il ripristino del funzionamento degli impianti di riscaldamento, restituendo così, a 150 famiglie di Casal Bruciato, normali condizioni di vita, soprattutto in un periodo particolarmente delicato come quello che stiamo attraversando.

Così in una nota Rachele Mussolini, Consigliere Comunale della Lista Civica “Con Giorgia” e Vice presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale, Federico Rocca, responsabile romano Enti Locali FdI, Francesco Castellani, Presidente del circolo di Fratelli d’Italia “Giacomo Boni”, e Ida Paoletti, Presidente del circolo di Fratelli d’Italia di piazza Santa Maria Consolatrice.

 

Dar Ciriola

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti