La “bacchettata” giapponese – A chi hanno parlato i Presidenti Mattarella e Grasso? – Tra il dire e il fare di Bea – 130 ex criminali nazisti a spese degli Stati Uniti

Fatti e misfatti di agosto 2015
Mario Relandini - 2 Agosto 2015

La “bacchettata” giapponese

“Per mettere a posto e pulire le nostre città sporche – ha bacchettato il “premier” Renzi – i nostri sindaci devono lavorare di più”.

Il “premier” Renzi, però, ha bacchettato nientemeno che dal Giappone. A quasi diecimila chilometri, cioè, dall’Italia. A distanza così ragguardevole da non essere investito dalle legittime reazioni di quei sindaci – purtroppo non tutti – i quali lavorerebbero molto di più, per le loro città, se lui non avesse tagliato loro, pesantemente, i finanziamenti. Qualcuno, in ogni caso, penserebbe di vedere Piero Fassino a Torino, Giuliano Pisapia a Milano, Ignazio Marino a Roma e Luigi De Magistris a Napoli – tanto per fare qualche esempio – con la scopa in mano a pulire strade e parchi cittadini? Matteo, stai sereno.

A chi hanno parlato i Presidenti Mattarella e Grasso?

“Emerga – ha detto, nel 35° anniversario della strage alla stazione di Bologna, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – emerga tutta la verità”. E il Presidente del Senato, Pietro Grasso: “Vogliamo giustizia””.

Figurarsi come vorrebbero giustizia, dopo ben 35 anni di inquietanti manovre politico-giudiziarie a nascondere e a sviare, i familiari delle vittime. E figurarsi come gli italiani tutti vorrebbero che emergesse, finalmente, tutta la verità. A chi hanno parlato, allora, il Presidente Mattarella e il Presidente Grasso? Non certo ai cittadini da 35 anni indignati. L’augurio è, dunque, che abbiano parlato ai magistrati affinché indaghino – sarebbe più che ora – senza remore, senza condizionamenti, senza paura.

Beatrice Lorenzin

Beatrice Lorenzin

Tra il dire e il fare di Bea

Adotta Abitare A

“Il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha nominato – quale revisore dei conti dell’azienda ospedaliera di Alessandria (in Piemonte) il commercialista Luca Cannata, sindaco di Avola (in Sicilia)”.

Tra Alessandria e Avola ci sono ben 1.500 chilometri da percorrere e però, evidentemente, il Ministro Lorenzin non è riuscita a trovare un commercialista un po’ più vicino all’azienda ospedaliera bisognosa di un revisore dei conti. “Macché tagli alla sanità – continua a proclamare il Ministro Bea – solo tagli agli sprechi”. Alla faccia della sua faccia di bronzo.

130 ex criminali nazisti a spese degli Stati Uniti

“Un rapporto dell’ “Ente di controllo sulle attività presidenziali” ha rivelato che – tra il 1962 e il 2015 – almeno 130 ex criminali nazisti, dopo la fine della seconda guerra mondiale, sono fuggiti negli Stati Uniti, sono in qualche modo riusciti a nascondere la loro vera identità e hanno beneficiato di assegni e pensioni per un ammontare di oltre 20 milioni di dollari”.

Complimenti ai tanto celebrati Servizi segreti statunitensi. Così distratti o così conniventi.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti