La Città Metropolitana di Roma vince un progetto europeo da 2 milioni

Fucci: "Invesrimenti impegati per la riduzione dell emissioni di carbonio"
Redazione - 10 Dicembre 2016

È arrivata nei giorni scorsi la notizia dell’approvazione del progetto europeo SUPPORT (Support Local Governments in Low Carbon Strategies), presentato dalla Città metropolitana di Roma Capitale, in collaborazione con altri partner dei paesi UE, tra istituzioni e agenzie per l’ambiente.

Il progetto è finalizzato al sostegno di attività volte alla riduzione delle emissioni di CO2, scambiando esperienze e buone pratiche tra agenzie per l’energia e pubbliche amministrazioni.

invito CET CONCERTO okSono quindi tre i progetti europei di sviluppo sostenibile ai quali la Città Metropolitana partecipa: “Support” si aggiunge ad “Enerj” e “Urban Wins”,  tutti indirizzati al sostegno delle energie rinnovabili, alla gestione responsabile dei rifiuti, alla sostenibilità ambientale.

Dar Ciriola asporto

“Abbiamo strumenti e capacità per svolgere efficacemente il nostro ruolo nel governo del territorio”, dichiara il Vice Sindaco della Città Metropolitana di Roma Capitale Fabio Fucci.

“Accedere a finanziamenti europei  con progetti di qualità  – prosegue Fucci – conferma che questo Ente è in grado di svolgere efficacemente il suo ruolo in un ambito che riteniamo strategico, come la tutela ambientale e lo sviluppo sostenibile, esercitando al meglio la funzione di pianificazione territoriale, monitoraggio e coordinamento delle azioni degli enti locali. Abbiamo raggiunto in materia di politiche ambientali – ha concluso Fucci –  importanti risultati. I Comuni, grazie anche ai nostri finanziamenti, hanno raggiunto in molti casi percentuali sopra l’80% di raccolta differenziata porta a porta. Nella grave crisi in cui versano le casse di questo Ente, come di tutte le Città Metropolitane, riuscire a reperire risorse europee con proprie capacità progettuali è un bel segnale, che dovrebbe arrivare a chi continua a non credere nel futuro di questi Enti”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti