L’agenzia di viaggi dei trafficanti di uomini – New York e Nigeria – Ingrata Giannini – Rosso o bianco?

Fatti e misfatti di settembre 2015
Mario Relandini - 3 Settembre 2015

L’agenzia di viaggi dei trafficanti di uomini

“I trafficanti di uomini – si è scoperto – hanno messo su una vera e propria agenzia di viaggi con tanto di offerte su “Facebook” e, addirittura, di “depliants” fatti girare nelle tendopoli di quanti sono in attesa di raggiungere l’Europa. Ben descritti i vari itinerari, le varie tappe, i vari mezzi messi a disposizione e i vari costi a seconda del tipo di trasferimento scelto. Fino al “taxi giallo” Balcani-Berlino a “soli” 2.500 dollari a persona o una partenza in aereo da Erbil, con un visto “taroccato”, a 12.500 dollari. Con pagamento anticipato alla partenza, però, e senza assicurazione dell’arrivo a destinazione. Specialmente se viene scelto, perché più conveniente, un barcone”.

L’agenzia di viaggi dei trafficanti di uomini, comunque, ha un cuore d’oro: le tariffe, per i bambini sotto i 15 anni, sono la metà. Che nemmeno, sempre, i “tour operator” legali. Mentre l’Onu, gli Usa, l’Unione europea continuano a guardare. In attesa, magari, che gli spregevoli trafficanti mettano su, alla fine, anche un “TripAdvisor” o un “Trivago” tutto loro per ospitare i “clienti” durante il lungo viaggio di trasferimento. Mille dollari – può darsi – per una stanza matrimoniale e servizi, cento dollari per uno scantinato tra scarafaggi, topi e water all’aperto tra i campi. Vergognoso ed osceno, cinico e delinquenziale. Per i trafficanti di uomini, certo, ma anche per l’Onu, per gli Usa e per l’Unione europea.

papaFrancescoNew York e Nigeria

“Un Papa gigante tra i grattacieli – sono arrivate le immagini – così New York saluterà l’arrivo di Francesco”.

Molto hollywoodiano. Se Papa Francesco avesse invece deciso di arrivare nella Nigeria dei martoriati cristiani, sarebbe stato salutato, da una popolazione in ginocchio, con Crocefissi e rosari innalzati, tra le baracche, verso il cielo. Molto evangelico.

Ingrata Giannini

“Il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, contestata da alcuni studenti e professori – al “Festival dell’ Unità” a Torino – ha così reagito: “Abbiate il coraggio di dire le cose con parole vostre e non con quelle che vi sono suggerite””.

Reazione pericolosa: se studenti e professori avessero voluto infatti dirle con parole loro quanto pensavano, per il Ministro Giannini sarebbe stato, sicuramente, molto peggio.

Rosso o bianco?

“Nella sua CapalBio fattoria – è volata notizia fino a Roma – la senatrice pd Monica Cirinnà, con suo marito Esterino Montino e i di lui figli, ha raccolto le uve migliori della sua vigna per produrre vini biologici”.

Ma verranno prodotti più vini rossi o più vini bianchi? Forse le converrà sentire il segretario-premier Matteo per sapere se il vitigno pd rimarrà sul rosso tradizionale oppure andrà imbastardendosi con il bianco tarocco di certo centro.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti