L’Epifani tra due fuochi – Stili diversi – Brasile-Italia 1 a 1

Fatti e misfatti di novembre 2013
Mario Relandini - 17 Novembre 2013

L’Epifani tra due fuochi

“Ora che c’è stato lo “strappo” di Angelino Alfano da Silvio Berlusconi – si è detto sollevato il segretario del Pd, Guglielmo Epifani – il Governo potrà operare meglio senza ricatti”.

Guglielmo Epifani, però, sembrerebbe avere fatto i conti con il Pdl, ma non con il “suo” Pd. Per bocca di Paolo Gentiloni, infatti, i “renziani” non la vedono o non la vogliono vedere come lui e hanno tenuto a far sapere che – secondo loro – “il quadro che ha fatto nascere il Governo Letta è da oggi cambiato e, quindi, conviene discuterne molto seriamente”. Come si comporterà, allora, il segretario del Pd? Ne vorrà discutere seriamente come chiedono i “renziani” o resterà della sua convinzione, più o meno opportunista, in difesa del Governo Letta? Sia come sia, il “premier” sembra così sicuro di sé e del suo Gabinetto che non ha ancora indossato la “ciambella di salvataggio”.

Stili diversi

“Dopo la scissione all’interno di “Scelta civica” – a conti fatti – è rimasto, nel Governo, soltanto il “montiano” Ministro agli Affari europei, Enzo Moavero”.

Da perfetto gentiluomo di altri tempi, però, l’ex premier, Mario Monti, non se n’è dichiarato preoccupato tanto da dirsi convinto che quanto avvenuto in “Scelta civica” non indebolirà il Governo. Da perfetta politica “de noantri”, invece, la senatrice Linda Lanzillotta è subito saltata su a dire che “Scelta civica” non può essere praticamente assente nel Consiglio dei Ministri. Come dire, in poche parole, “eccomi, sono qua io”. Auguri.

Brasile-Italia 1 a 1

“Henrique Pizzolato, ex direttore “marketing” del “Banco do Brazil”, meglio conosciuto come il “banchiere di Lula” per certe operazioni di corruzione politica e per questo finito sotto processo – si è saputo – quando la polizia è andata ad arrestarlo, dopo la condanna inflittagli di dodici anni e sette mesi, non l’ha più trovato nella sua casa di Rio de Janeiro né altrove”.

Adotta Abitare A

Per forza. Henrique Pizzolato, per non essere incarcerato, prima è riuscito a passare la frontiera con il Paraguay, poi, da qui, è venuto a rifugiarsi in Italia. Un po’ il percorso al contrario del terrorista italiano Cesare Battisti il quale prima è riuscito a farla franca in Francia, poi, da qui, è andato a rifugiarsi in Brasile. Brasile-Italia, dunque, uno a uno. E, forse, non ci saranno né i supplementari né, tanto meno i rigori.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti