Life For Sale

Quadri della vita di un artista: dalla biografia romantica al mercato dell’arte. Domenica 31 marzo Macro Asilo di Roma
a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino - 28 Marzo 2019

Performance ideata e diretta per il Macro Asilo di Roma da Stefano Napoli, con Francesca Borromeo, Andrea Cerioli, H.E.R., Filippo Metz, Raffaella Montani, Simona Palmiero, Luigi Paolo Patano. Luci Mirco Maria Coletti. Consulenza musicale Federico Capranica. Foto Dario Coletti

Sarà in scena al Macro Asilo il 31 marzo 2019, la Compagnia Colori Proibiti in Life For Sale Quadri della vita di un artista: dalla biografia romantica al mercato dell’ arte, performance ideata e diretta per il MACRO ASILO di Roma da Stefano Napoli. In scena Francesca Borromeo, Andrea Cerioli, H.E.R., Filippo Metz, Raffaella Montani, Simona Palmiero, Luigi Paolo Patano.

Da oltre trent’anni Stefano Napoli, con la compagnia Colori proibiti da lui fondata, sonda le pieghe più cupe dell’animo umano e dell’esistenza dando ad esse forme visibili, implacabilmente suggestive. Le cifre stilistiche del teatro di Stefano Napoli sono tutte presenti e vivide in Life For Sale: la parola è esiliata ai confini del significante, il linguaggio è interamente affidato al gesto, agli attori e al loro corpo, alle luci e alla musica.

Questi aspetti, sono per Stefano Napoli, elemento fondante di tutto il suo lavoro. I personaggi interagiscono tra loro, intrecciano le corporeità costruendo di scena in scena delle vere e proprie tele, dando prova di un’abilità fisica e artistica straordinaria. L’estetica di Stefano Napoli e il lavoro di Colori Proibiti sono il frutto di una ricerca vera e franca di un nuovo linguaggio, che mescoli il figurato, l’astratto e il sonoro in un unico grande fotogramma in movimento.

Life For Sale si articola in sei quadri:

  1. Innocenza e povertà
  2. Poveri fiori: morte dell’ artista da giovane
  3. Il patto con il mercante: la carezza del cinismo
  4. Money, money, money
  5. Credersi una star: illusione in cambio di ispirazione
  6. Ho ancora il mio corpo se qualcuno vuole comprarlo

 

Note di Regia

Si aggira incerto nell’enorme sala. Un tempo, quando si viaggiava sicuri verso destinazioni conosciute, l’avremmo definito un artista. Dalla sua avrebbe avuto l’aiuto delle Muse (addirittura nove), o il talento o la disciplina o un ambiente favorevole, chissà. Sarebbe stato incline alla malinconia, forse anche alla follia: avrebbe fatto curriculum. Gli sarebbe stata perdonata qualche stravaganza, una vita più o meno dissoluta ne avrebbe fatto un maledetto. Ancora meglio se moriva abbastanza giovane, in totale miseria, dopo aver mangiato pane e sardine. Un mercante dalla vista lunga avrebbe poi saputo come vendere la sua sofferenza. Lui si aggira incerto, ancora non lo sa, ma un mercante potrebbe salvarlo e fare di lui un investimento, fare la differenza tra l’anonimato e una fama da rockstar. Un colpo di fortuna ed è fatta. (Stefano Napoli)

 

INFO

Macro Asilo

Via Nizza 138 ROMA

domenica 31 marzo alle ore 16,00

INGRESSO LIBERO

 

a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti