L’incoerenza di Vincenzo De Luca – Il nitrito strozzato del cavallo Rai

Fatti e misfatti di dicembre 2013
Mario Relandini - 21 Dicembre 2013

L’incoerenza di Vincenzo De Luca

“Se dovessi valutare questo Governo dalle decisioni prese nella “Legge di stabilità” – ha sparato a pallettoni il Ministro alle Infrastrutture, Vincenzo De Luca – direi che questo è il Governo peggiore tra quellli che abbiamo avuto in relazione alle problematiche inerenti gli Enti locali”.

Difficile, in effetti, dargli torto. Facile, invece, imputargli una abbondantissima dose di incoerenza: ma, se questo Governo gli fa proprio schifo, perché, allora, si inquieta in modo furibondo per il fatto che, dopo averlo nominato Ministro, non gli hanno ancora assegnato le relative deleghe? Perchè, anzi, non si dimette? Perché finisce per sputare su quel piatto dove, poi, non è che mangi pane e mortadella? Ma Vincenzo De Luca – si sa – non è uno che ami rispondere a certe domande. E, quando proprio non può fare a meno di rispondere, lascia lì le domande e passa direttamente agli insulti.

Il nitrito strozzato del cavallo Rai

“Quest’anno – ha fatto sapere il Ministro allo Sviluppo economico, Flavio Zanonato – alla Rai non sarà concesso l’adeguamento inflattivo del canone”.

C’è da tirare un sospiro di sollievo. Poiché la Rai, non soltanto nel periodo estivo, aveva propinato ai suoi utenti, almeno per la seconda o terza volta, gli stessi films e gli stessi sceneggiati del 2012 e precedenti, c’era infatti la possibilità che l’adeguamento del canone venisse concesso non solo per recuparare l’inflazione, ma anche per avere offerto più volte lo stesso programma che era stato pagato – che diamine – una volta sola. E che, quindi, andasse conguagliato. Così, almeno, secondo il nitrito levatosi alto e forte, per fortuna senza esito, dal cavallo di viale Mazzini a Roma.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti