Categorie: Costume e Società
Municipi:

La vita in “gioco”, una patologia in crescita …

Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco

Cos’è la Ludopatia? Forse un termine inusuale per qualcuno, ma già patologia segnalata dagli anni ’80 almeno in Italia, mentre il primo decreto a prendere in considerazione il gioco d’azzardo come possibile dipendenza sembra essere il Decreto Balduzzi, convertito in legge 189\2012. Quindi da poco e per la prima volta la ludopatia viene individuata come patologia e riconosciuta tra i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) riconosciuto al soggetto ludopatico, il diritto alla cura presso il sistema sanitario pubblico.

Di tutta la lista delle dipendenze questa antica consuetudine sembrava essere, almeno in Italia, tollerata e diciamo, ignorata, fino a che, con l’espandersi stesso dell’accesso a giochi disponibili on line ma anche nei bar sotto casa, dove una volta i ragazzi scendevano a comprare il latte mandati dalla mamma, ha raggiunto un livello preoccupante. Infatti lo strumento principale della crescita sana è la relazione, in un mondo in cui le relazioni umane non sono mai diventate così problematiche, congiunte ad un’offerta così seduttiva e persecutoria di investimenti emozionali alternativi e anestetizzanti.

In Italia, negli anni ’60, i padri fondatori delle Comunità Terapeutiche furono figure storiche del volontariato e del mondo religioso, poi come in molti altri paesi europei, agli inizi degli anni ’70 ci furono le prime esperienze di comunità per tossicodipendenti. Bisognò arrivare agli anni ’80, più precisamente tra gli anni ’80 e ’90 per trovare le prime risposte istituzionali al problema della tossicodipendenza, ma come ogni dipendenza sembra aver bisogno soprattutto di una comunità terapeutica, un percorso esperienziale di apprendimento in gruppo declinato in varie forme di intervento professionale, ma soprattutto per favorire la crescita individuale intesa come processo sociale. 

La presenza di modelli d’identificazione alternativi a quelli, spesso scarsi e patologici, con i quali la persona si era confrontata prima, diventa quindi fondamentale. Soprattutto le relazioni significative che si instaurano con gli operatori e gli “altri” assumono un valore importante: aprono alla persona nuovi modi di essere, esperienze emozionali vissute come autentiche e scambievoli. 

Bisognerebbe chiedersi perché le dipendenze, e la ludopatia in particolare, abbia assunto numeri così preoccupanti anche tra giovanissimi. Nonostante infatti a loro il gioco d’azzardo sia vietato, “il 10,4% degli studenti italiani giocatori tra i 14 e i 17 anni è considerato problematico”. 

https://usciredalgioco.iss.it/it/news/38-gioco-dazzardo-nella-popolazione-adulta-studio-epidemiologico-trasversale-di-ti/

LE FOTO SONO TRATTE DA https://www.jamma.tv/associazioni/senato-zocconali-ans-il-business-del-gioco-e-fuori-controllo-313871

Segnalo questa relazione del dott. Pietro Zocconali, Presidente Associazione Naz.le Sociologi e giornalista, presso il Senato della Repubblica, Sala Caduti di Nassirya, in p.zza Madama, Roma, il 15 aprile 2024

  • Nuovo allarme ludopatia con l’apertura di nuove sale da gioco”

 

  • Ho apprezzato molto l’iniziativa del Senatore Luigi Nave e l’ho ringraziato per avermi invitato a relazionare. In effetti sono anni che tratto l’argomento “gioco d’azzardo e ludopatia” e mi ha fatto piacere presentare la mia opinione al riguardo, che riporto di seguito.

 

  • Recita la pubblicità: “Non c’è nulla di più facile che giocare al Lotto: basta entrare in una ricevitoria autorizzata e puntare su uno o più numeri compresi tra l’1 e il 90, indicando la ruota sulla quale si desidera giocare”. E i nostri nonni lo hanno fatto per molti anni poiché l’attuale gioco del Lotto, al quale, nel tempo si sono aggiunte diverse varianti, è nato insieme all’Unità d’Italia, proveniente dai vari stati esistenti sul territorio della penisola prima del Regno d’Italia. Lo Stato dice: oltre alle tasse, cari cittadini, vi chiedo un altro contributo in danaro, dandovi la speranza di potervi arricchire. Per quanto riguarda il business del Lotto, ci possiamo in parte consolare poiché una legge del 1948 recita: “Una quota degli incassi del gioco è destinata per legge al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per finanziare diverse opere di recupero e di conservazione del nostro patrimonio storico, artistico e paesaggistico”.

 

  • Un’altra tipologia di gioco che negli anni ha fruttato miliardi di Lire ed ora di Euro allo Stato, sono le varie lotterie che adottano sempre la stessa filosofia: togliamo pochi soldi ad ognuno dei cittadini e una parte del ricavato andrà ad uno o più vincitori che diventeranno ricchi alle spalle di tutti gli altri. Voglio fare un esempio chiarificatore. In una grande sala ci sono mille persone disposte ad acquistare un biglietto da 10 € della lotteria. Dopo aver venduto mille biglietti da 10 Euro l’uno, per un incasso totale di 10.000 euro, si procede con l’estrazione di un numero che va da 0001 a 1000, e poco meno di 5.000 € vanno al fortunato vincitore che possiede il numero estratto. Tutti gli altri, che si ritrovano in mano un pezzo di carta straccia, un po’ delusi, sperano di rifarsi alla successiva occasione.

 

  • Ma gli altri 5000 e più euro che fine fanno? In realtà lo Stato si tiene quasi tutta quella bella cifra per la gestione del lavoro: una minima parte va per la stampa dei biglietti, per la distribuzione, alle tasse e ai venditori, sotto la voce:spese inerenti all’organizzazione e all’esercizio della lotteria. Per il resto, una grossa fetta è devoluta a favore di “enti beneficiari nella misura indicata nelle norme istitutive di ciascuna lotteria”. Questi cosiddetti “Enti beneficiari” sono i veri vincitori della lotteria poiché, senza colpo ferire, si portano a casa quasi la metà degli incassi, provenienti dalle tasche degli acquirenti dei biglietti, in buona parte povera gente alla quale piace tentare la fortuna, in certi casi come ultima spiaggia per una degna sopravvivenza. Ma adesso parliamo del problema sorto in questi ultimi anni: ormai non si tratta più di togliere spiccioli a tanti e distribuire grosse somme a pochissimi a vantaggio dello Stato. Con Internet, con il fiorire di siti dove si possono scommettere anche cifre astronomiche, soprattutto con le organizzazioni clandestine, che prolificano, il “business” del gioco è ormai fuori controllo. 

 

  • Senza arrivare alle scommesse clandestine, tema molto attuale che non è il caso di commentare ora, gli italiani hanno la possibilità di suicidarsi economicamente con il Poker e le slot machine on line, e con tanti svariati giochi interattivi con scommesse, sia dai nostri computer che dal telefonino; senza contare che, fuori la porta di casa, ormai, prolificano centinaia di luoghi per effettuare scommesse, dalle ricevitorie ai tabaccai, fino a locali espressamente aperti per scommettitori, organizzazioni che stanno portando i giocatori accaniti e più deboli, molti con difficoltà economiche, alla disperazione, e nei casi estremi al suicidio.

 

  • Fa sorridere il fatto che in Italia sia proibito aprire altri casinò oltre a quelli esistenti di Campione d’Italia, Saint Vincent, Sanremo e Venezia, poiché in effetti si gioca d’azzardo, come abbiamo visto, sia dalla propria abitazione sia nel bar sotto casa.
  • Un capitolo a parte è il fenomeno dei casinò subito oltre confine: ad ovest a Montecarlo e il Francia, a nord quelli svizzeri, ad est quelli in Slovenia. A Gorizia, tanto per fare un esempio, al confine con Nova Gorica, ci sono dei pulmini che, gratuitamente, ti accompagnano nei vari casinò della città, e lì finiscono molti Euro di italiani vogliosi di giocare.

 

  • A proposito di tentare la fortuna, mi sta venendo in mente il leggendario programma TV degli anni ’80: “Indietro tutta”, condotto da Renzo Arbore, che prendeva in giro coloro che, telefonando da casa, speravano di poter vincere una grossa somma di danaro, senza la quale, a detta di Arbore, e cito a memoria: “sarete costretti ad andare a lavorare”. Arbore pensava di fare della satira e quindi di esagerare provocando e scatenando il sorriso nei telespettatori “intelligenti” ma, come sempre succede, la dura realtà va oltre la fantasia e le iperboli, frequentemente adottate dalla satira, molte volte non riescono a raggiungere i picchi estremi che scaturiscono dalla realtà. Chiudo con una citazione di T. Jefferson, 3° presidente degli USA che ci può servire da monito: “Il gioco d’azzardo corrompe le nostre inclinazioni, e ci insegna l’abitudine dell’ostilità contro i nostri simili.”  

Sitografia

www.lotto-italia.it/lotto/come-dove-giocare/il-gioco

www.laleggepertutti.it/529544_scommesse-clandestine-cosa-sono-e-come-sono-punite

www.mrebook.it/i-casino-in-italia-quali-sono-e-dove-si-trovano/

https://perla-novagorica.com/it/casino

https://it.wikipedia.org/wiki/Indietro_tutta!

https://www.notiziecristiane.com/il-gioco-dazzardo-corrompe-le-nostre-inclinazioni/


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati