Orrore India – “Impresentabili” sì o no?

Fatti e misfatti di maggio 2015
Mario Relandini - 12 Maggio 2015

Orrore India

“Un giovane – nello Stato indiano di Chattisgarh – ha cercato di usare violenza ad una giovane appena sposata e, di fronte alla sua coraggiosa reazione, ha cosparso di cherosene i suoi due nipoti di tre e di sei anni bruciandoli vivi”.

Neppure quarantott’ore prima, nella zona industriale di Noida, oppostasi ad un ennesimo tentativo di stupro da parte di uno zio, una bambina di appena 15 anni era stata anch’essa bruciata viva per vendetta. Ma episodi del genere o terribilmente simili sono, ormai, all’ordine del giorno in India. Tra l’indifferenza o l’incompetenza delle autorità e, spesso, perfino con la complicità della polizia. Vergogna. Sempre più vergogna. In un Paese, soprattutto, il quale aspira a consolidarsi fra quelli più moderni del mondo. Economicamente, può darsi, ma non certo per la sua civiltà, per i suoi valori e per il rispetto dei diritti umani. Vergogna, sì, sempre più vergogna.

“Impresentabili” sì o no?

“In alcune liste collegate al Governatore pd candidato per la Campania – ha ammesso, a “La Repubblica tv”, il “premier” Renzi – ci sono alcuni che non voterei neanche se costretto”.

Bello e nobile annuncio, certo. Resta, però, una domanda: se il candidato pd Vincenzo De Luca dovesse essere eventualmente eletto proprio e solo grazie a quei nomi delle liste collegate, il “premier” Renzi li accetterebbe e consentirebbe, al suo già discusso uomo campano, di governare con il loro appoggio? Con quegli “impresentabili” da non votare neppure con la pistola alla tempia e diventati all’improvviso – op là – presentabili e, magari, remunerabili con qualche incarico? Agli elettori della regione, soprattutto pd, farebbe certamente piacere una chiara e onesta risposta. E anche alla “Speedy Gonzales”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti