Categorie: Ambiente Associazioni
Municipi:

Orti sociali che passione

Bella iniziativa organizzata il 26 marzo 2014 alla Casa della Cultura di via Casilina dall'Associazione "La Vanga Quadra"
ortiViaPergolato
Orti sociali in via del Pergolato

Bella iniziativa quella organizzata il 26 marzo 2014 alla Casa della Cultura di via Casilina dall’Associazione “La Vanga Quadra” e dal suo cantore il dott. Alessandro Camiz.

Tra gli organizzatori dell’iniziativa il circolo del Pd di Villa Gordiani con il consigliere municipale E. De Angelis ad aprire i lavori e a ipotizzare il futuro per la politica ortiva nel territorio del V municipio.

Si è parlato di orti siano essi spontanei che sperimentali nati da iniziative dell’associazionismo o ancora, pubblici su aree pubbliche.

Orti sociali al Centro Anziani Manfredi
Orti sociali al Centro Anziani Manfredi

Erano presenti tra gli altri l’Assessore all’Ambiente del Muncipio Roma V Giulia Pietroletti, la responsabile dell’Ufficio Orti del X Dipartimento del Comune di Roma dr.ssa Paola Marzi, il dott. Paolinelli ideatore degli AgroClub tra ortisti assegnatari, l’Arch. M.C. Tullio paesaggista, progettista e creatrice dei primi orti pubblici su aree pubbliche realizzati nel Comune di Romna e che si trovano in via del Pergolato all’interno del parco Alessandrino/Tor Tre Teste, nel parco di Tor Sapienza e in quello delle Palme assegnato dall’ex Municipio Roma VII al Centro Anziani Nino Manfredi e alla Scuola P. R. Pirotta, che attualmente segna il passo per indicibili problemi politico/amministrativo.

ortiSpontaneiSpencer-Tangenziale
Orti spontanei tra via Herbert Spencer e la Tangenziale

Il dott. Camiz ha parlato del valore sociale e ludico che può avere l’affermarsi della pratica ortiva e dei suoi tentativi di realizzare sia presso l’acquedotto Alessandrino che dentro il Casale Garibaldi orti spontanei con con un duplice obiettivo, quello didattico e quello meramente ecologico ed ambientale: Spesso – ha detto – questi tentativi vengono fatti bonificando aree, magari di pregio, ma trasformate dall’incuria in autentiche discariche a cielo aperto. Ha anche parlato della presenza di inquinamento nei terreni da metalli pesanti e delle necessarie misure per ridurlo drasticamente riportandolo a valori che ne consentano anche la produzione di ortaggi da destinare all’alimentazione umana.

L’arch. Tullio ha ripercorso le fasi che hanno portato alla realizzazione degli orti nell’ex Municipio VII e all’intuizione che ebbero i finanziatori del progetto (l’on.le Nieri ex ass. regionale e oggi vicesindaco di Roma) il CdQ Città Alessandrina che si batté per la loro realizzazione e la Giunta Mastrantonio che sostenne l’iniziativa fino alla bella giornata dell’inaugurazione.

inaugurazioni orti via del PergolatoPaolinelli ha parlato di un elemento determinante per la vita e la gestione degli orti: l’Agroclub come interfaccia tra ortisti e ortisti e tra ortisti e istituzioni locali.

Paola Marzi dell’ufficio Orti del Comune di Roma ha annunciato che il Regolamento sugli Orti del Comune di Roma è stato finalmente redatto e ha iniziato il suo percorso burocratico per diventare lo strumento gestionale, tra le altre cose, anche del reperimento-gestione e assegnazione delle aree. Un percorso che impegnerà anche la Giunta (ma visto le ultime dichiarazioni del sindaco Marino su aree verdi e orti, sarà sicuramente positivo) e approderà in Consiglio Comunale per la definitica approvazione.

Presenti all’iniziativa anche la funzionaria dell’Uosecs A. Labonia e il funzionario del Cea Municipale M. Catroppa che per quanto riguarda gli orti realizzati nell’ex Municipio Roma VII si sono rilevati determinanti per tutta la fase che ha portato fino all’assegnazione delle particelle ortive. Un tragitto iniziato con il bando pubblico, la ricezione delle domande, le graduatorie e infine le assegnazioni, ma queste non prima di aver concertato con la Cooperativa Agricola Capodarco dei corsi introduttivi all’attività di agricoltura biologica.

L’Assessore Pietroletti nel condividere le iniziative che le varie associazioni portanto avanti per avvicinare la cittadinanza a quello che può essere considerato un gioco ma che ha in sé una indubbia valenza sociale, ludica e di rispetto ambientale ha fornito alcune notizie riguardanti il completamento degli orti nel parco di Tor Sapienza. Rispondendo a domande di cittadini e riguardanti l’avvio dei lavori del secondo lotto nel parco di Centocelle ha annunciato il parere favorevole della Sovraintende ai Beni Culturali del Comune di Roma Dr.ssa Patrizia Gioia alla realizzazione di particelle ortive all’interno del Parco Archeologico di Centocelle. Del resto – ha detto la Pietroletti -non faremo altro che riportare indietro l’orologio della storia che parla di questi suoli come gli orti della Roma imperiale e aree di sosta delle Legioni Romane.

Purtroppo il Parco di Centocelle, in attesa del suo completamento (chi sa quando) rischia, a causa di un impossibile e scomodo accesso, di rimanere una cattedrale nel deserto incapace di attrarre visitatori e questo anche a causa di una assenza totale di attività su di esso. Gli orti potrebbero essere una di queste attività di cui l’immenso parco è orfano e si sa che più l’area è vissuta e meno gioco hanno gli amanti del degrado e del vandalismo ( nel parco sono sparite quasi tutte le panchine in legno, sono state rotte fontane ed è stato distrutto il modello dell’aereo in legno posizionato ai bordo della pista).


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati