Parcheggio per disabili

Il posto è comunque riservato, anche senza disabile a bordo
Attilio Migliorato - 5 Dicembre 2022

Il parcheggio per disabili non è legato al veicolo, ma alla persona.

Il disabile può viaggiare su qualunque veicolo e aver diritto al parcheggio riservato.

Al contrario di quanto si creda, non basta esporre il tagliando sul cruscotto per aver diritto al parcheggio, ma è necessario che il titolare del tagliando sia presente.

Lo spazio della strada destinato alla sosta delle automobili è di tutti, residenti e non; sicché, ciascuno ne può fare uso senza limiti di tempo se non diversamente stabilito dalla segnaletica stradale.

Se il segnale indica la sosta a tempo, lo è sino alle ore 20 e senza limiti di tempo dopo le ore 20, ma sempre di coloro che hanno il contrassegno disabili.

Per gli scorretti: ogni mondo è paese, al mare, in montagna, al lago e in città.

Tutte le stagioni sono uguali, tutti i giorni sono uguali, feriali o festivi.

Nell’uso degli scorretti: “lega” on line la targa della macchina al tagliando del disabile, quando ne ha bisogno parcheggia ed espone in modo visibile il tagliando sul cruscotto.

il titolare del tagliando, disabile, non è quasi mai a bordo della macchina.

È capitato anche a me. Anche io sono uno scorretto. Sabato scorso un mio conoscente ha parcheggiato la sua macchina al parcheggio disabili, ha il tagliando ma non l’ha esposto. La macchina è rimasta ferma per quattro giorni.

Al giovedì successivo gli ho scritto un whatsapp, domandandogli se la macchina fosse la sua.

Venerdì mi ha risposto che la macchina era la sua e al più presto l’avrebbe spostata .

Gli ho chiesto di farlo almeno per il 3 dicembre, giornata dedicata alla disabilità.

Ieri la macchina è stata spostata.

Mi sono permesso di “importunarlo”, visto che è un mio conoscente.

In dieci minuti il posto è stato subito occupato, altra macchina, altro tagliando.

Oggi, domenica, è arrivata una macchina. Una signora anziana, disabile e con carrozzina, accompagnata dal conducente, ha parcheggiato sul sagrato della Chiesa, la signora disabile è stata aiutata a scendere dalla macchina e salire sulla carrozzella. Accompagnata, è entrata in Chiesa.

Il parcheggio per disabili era occupato dal sabato da due automobili, gli altri parcheggi erano tutti occupati.

ll sagrato della Chiesa di Dio Padre Misericordioso a Tor Tre Teste era libero.

Scambiando quattro chiacchiere con un mio amico di Santa Maria Capua Vetere, mentre osservavamo la macchina parcheggiata sul sagrato delle Chiesa e i parcheggi per disabili occupati, mi ha detto: “è ’na cacatella ‘e mosca”, ora. Sino a qualche anno fa bastava la fotocopia plastificata del tagliando disabili sul cruscotto, assolutamente non riconducibile on line né alle auto né ai disabili.

 

Macelleria Colasanti

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti