Parco Centocelle. Vento, fiamme e una decina di famiglie rovinate

Problemi diversi ma un unico denominatore, l’incapacità e il non mantenimento degli impegni
Alessandro Moriconi - 10 Luglio 2022
Incendi quasi sempre provocati da erbe infestanti secche e non tagliate, da piromani folli, dalla carenza di uomini e mezzi per una categoria lavoratori che definire eroi è decisamente riduttivo.
Il solo incendio di ieri presso le attività dei rottamatori di viale Palmiro Togliatti rischia di aver rovinato una decina di famiglie che da oltre 20 anni aspettavano di essere delocalizzate in aree idonee.
Prevenzione, manutenzione e vigilanza sono decisamente parole semisconosciute ed ecco che decine di alberi anzianotti e non potati da almeno un decennio sono sufficienti un po’ di folate di vento sopra la media per metterne in crisi a centinaia con auto schiacciate e marciapiedi interclusi da tronchi e ramaglie accatastate da operai, giardinieri e polizia locale, tutti immediatamente intervenuti.
Per le potature degli alberi ed in particolare quelli che ormai hanno superato il quarto piano delle palazzine di via Tor de Schiavi, Faggi e Albizzie, solo per citarne alcune e dire che vanno inserite in un programma che deve essere portato a conoscenza dei residenti, delle associazioni ambientaliste e dei CdQ.
L’unico modo per rendere giustizia a parole come partecipazione e condivisione. Tutto il resto è nulla o quasi!

Questo che segue è un articolo del 2010!

Serenella

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti