Parco Palatucci ha bisogno di vigilanza 

Lo segnaliamo di nuovo ai frequentatori dell’area verde di Tor Tre Teste e ai Vigili urbani, dopo il furto di stamattina

Nel parco Palatucci non ci sono telecamere attive e purtroppo è un parco “aperto”, di notte e di giorno.

Troppi accessi liberi e quindi esposizione a scorrerie dei malviventi. 

Scendendo dalla stradina mattonata, appena passato l’anfiteatro e la piazzetta con l’ulivo, si arriva al campo di calcio “Cervini”. Proseguendo, fiancheggiando il campo di calcio, c’è un piccolo viale sterrato che  porta verso la “lingua” verde tra via Gadola e via Roberto Lepetit o ad una casa ubicata proprio all’interno del parco vicino all’ingresso da via Lepetit. 

Oggi è stata una giornata ventosa, con nuvole che si ammassavano e che si aprivano, poca gente a correre o camminare nei viali del parco alle 11 del mattino.

Un uomo di 65 anni anni, in completo sportivo, cammina per recuperare dai postumi di una operazione all’anca. 

Solo e in sovrappensiero sente un braccio che si poggia sulle sue spalle, si volta e vede un giovane uomo che gli sorride. 

Non realizza sul momento, ma sente un piccolo strappo sul collo, e vede il giovane allontanarsi di fretta.

Si accorge peròche non ha più la catenina d’oro, e sente sulla pancia il contatto del metallo della croce d’oro e dell’aquila laziale, che, nello strappo, si sono sfilate dalla catenina. 

Il malvivente ha lasciato, involontariamente, metà del bottino sul corpo dell’uomo.

Sull’uomo è rimasta anche la paura e la sensazione, brutta, dell’insicurezza.

Ricordo gli anni in cui nel parco Palatucci girava la coppia dei poliziotti o deicarabinieri a cavallo, e la macchina dei vigili urbani. 

Non è il momento di ripensare e affrontare seriamente un problema , finora mai affrontato seriamente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati