Parte la nuova rassegna Musica & Musica della Scuola Popolare di Musica di Testaccio

Il programma dal 13 novembre all'11 dicembre 2022
Patrizia Artemisio - 11 Novembre 2022

La rassegna della Scuola Popolare di Musica di Testaccio si apre con i Beatles. Il titolo vero è The Beatles Real Book. Questo per ricordarci che non siamo nel film Yesterday di Danny Boyle ma, come in quel film, noi fans dei quattro di Liverpool vogliamo che la loro musica sia parte del nostro mondo.

Non ci soffermiamo comunque sull’argomento. In fin dei conti, basta una domenica mattina per rubare il suono, l’immagine, l’idea, l’atmosfera di scena della sala in concerto e portare a casa quel che serve. Un’esperienza. Così, come nel gesto di scrollare i post social, saltiamo da una domenica all’altra, di musica in musica, da una storia all’altra, in un mondo fisico nei tempi del virtuale o in diretta streaming dalle mura della Sala Concerti di piazza O. Giustiniani, 4/a.  Tutto si concluderà l’undici di dicembre con un concerto di musica barocca che avrebbe potuto tenersi in una corte o in un palazzo nobiliare, per un pelo non lo si immagina in casa Bridgerton nel contenitore Netflix.

Lungo il percorso dai Beatles al Barocco potremo incontrare un certo volto di Parigi, faremo il bagno nel mediterraneo e vivremo il dixie, il funkie e altre avventure d’un intrepido quintetto di ottoni con batteria al seguito. Ma non preparate grandi valigie, il viaggio non sarà poi così lungo, chi è già stato in quella sala concerti racconta che la sensazione che si prova infine è quella di quel bambino che, sui canali della cara vecchia TV, piange perché la crociera è già finita.

Detto questo, annotiamo di seguito il programma dei concerti e ricordiamo che tutto ciò accade grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, grazie all’ideazione e coordinamento musicale di Paolo Cintio e Vincenzo Russo e grazie al fatto che per l’ingresso in sala pagherete dieci euro.

P.S. La prenotazione è obbligatoria. Segnatevi il numero 360.1025779 (sms o whatsApp)

Invece per la diretta : www.scuolamusicatestaccio.it

info tel. 06.5759308 06.5750376

Adotta Abitare A

Programma

domenica 13 novembre ore 11.00

The Beatles Real Book

un viaggio nelle musiche dello storico quartetto di Liverpool tra serietà ed ironia

Durante il concerto verranno suonati alcuni dei brani storici riproposti in duo chitarristico, raccontando e analizzando le possibilità che queste belle e famose canzoni offrono.

Roberto Nicoletti, chitarra

Maurizio Pizzardi, chitarra

 

domenica 20 novembre ore 11.00

Duo Metrò

una storia tra i suoni di due strumenti che vibrano tra le mani

Attraverso la sua versatilità il Duo, percorre lo stesso viaggio che si può vivere visitando le varie stazioni della Mètro di Parigi, dove i generi musicali si ritrovano generando una preziosa alchimia.

Cristiano Lui, fisarmonica e bandoneon

Stefano Ciotola, chitarra

 

domenica 27 novembre ore 11.00

Brassense

New Breath in Town

Un quintetto di ottoni con una batteria al seguito. Un modo nuovo di portare sul palco un ensemble

nato per la classica. Ma, come dice il pay off, c’è un nuovo respiro. Un respiro lungo dentro la

musica; dal dixie, agli standard da big band, al funky fino ad arrivare ai successi degli anni ’80. Sei

musicisti uniti dall’idea di poter portare davanti al grande pubblico brani popolari con una

formazione classica, ma con respiri e ritmi sincopati. Insieme ai Brassense spesso si unisce una

voce femminile (come guest) ma questa, ogni volta sarà una sorpresa.

Francesco Marsigliese e Giuseppe Panico, tromba

Andrea Bracalente, corno

Palmiro Del Brocco, trombone

Maurizio Capuano, tuba

Alberto Botta, batteria

 

domenica 4 dicembre – ore 11.00

Mesudì

vento che increspa le onde, spinge genti e barche e porta con se profumi, colori, storie e parole

Mesudì nasce dall’incontro tra il trio vocale ideato dalla cantante Elisa Surace e il percussionista

Simone Pulvano. Si sono così incontrati racconti,tradizioni, esperienze artistiche diverse tra loro.

Tra una chiacchiera e un calice di vino, la polifonia classica ha conosciuto la tradizione orale del

centro e sud Italia, il canto a cappella si è intrecciato con il mondo arabo, la voce ha scandagliato

altre possibilità ed è diventata strumento ritmico.

Elisa Surace, voce, chitarra e percussioni

Francesca Flotta, voce e percussioni

Claudia Ugenti, voce e percussioni

Simone Pulvano, percussioni e voce

 

domenica 11 dicembre ore 11.00

Trio Barocco

un viaggio tra le musiche del barocco

Il concerto di oggi offre la possibile riproposizione di una “Accademia” (definizione alternativa

dell’epoca per i concerti privati) quale avrebbe potuto aver luogo in una corte o in un palazzo

nobiliare.

Laura Pontecorvo, flauto traversiere

Andrea Fossà, violoncello

Guido Morini, clavicembalo


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti