Passeggiata ciclo turistica ambientale nel quartiere Alessandrino

Oggi 23 gennaio 2024 abbiamo dedicato 1 ora e 45 minuti di tempo, 19 chilometri  e 450 metri di pedalate in bicicletta, per girare tutto il quartiere Alessandrino, dalle strade principali sino alle stradine più piccole e meno trafficate.

Volevamo dare un voto al quartiere. Sono quindi partito dal 6 e mezzo, secchioni dell’immondizia, alle 10 del mattino, svuotati, poco e nulla di immondizia residua intorno ai secchioni. Di ingombrante  abbiamo visto un materasso, un passeggino per bambini, uno stendino per i panni. 

Siamo  passati al 6 dopo aver visto che c’è ancora lo scarico di mobilio di fianco all’entrata del parco Palutucci, da via del Pergolato. Confermato il voto dopo aver visto la continua e rinnovata discarica a via del Pergolato.

Siamo successivamente  passati al 5 dopo aver visto che il degrado in via degli Olmi continua ad imperare.

Abbiamo confermato il 5 dopo aver visto il giardinetto, il parco giochi, la ex fontana, l’ex punto di ritrovo del piazzale dell’Acquedotto Alessandrino.

Non utilizzate le automobili, andate a piedi, correte, andate in bicicletta, appropriatevi delle vie e piazze  del vostro quartiere. 

Non immaginate quanto è interessante “l’utilizzo” del proprio corpo.

Correre: fa bruciare tante calorie, fa bene alle ossa e alle articolazioni, rinforza il sistema immunitario, favorisce il buon umore, abbassa la pressione del sangue, contrasta il diabete, migliora l’autostima, diminuisce lo stress, facilita il sonno, costa poco, migliora l’attività sessuale.

Camminare:  è una sorta di freno ai chili di troppo, una passeggiata fa diminuire il peso e la voglia di mangiare dolci, andare a piedi aiuta anche a dimagrire, la deambulazione riduce il dolore articolare, rinforza le difese del nostro sistema immunitario, l’attività fisica diminuisce  la possibilità di ammalarsi di vari tipi di cancro, previene patologie che vanno dal diabete all’Alzheimer, è un toccasana per l’umore.

Pedalare in bicicletta: contrasta la sedentarietà, aiuta a bruciare grassi e calorie, protegge le cartilagini di anche, ginocchia e caviglie, tonifica i muscoli dei polpacci, delle cosce e dei glutei, delle braccia, del torso e della parte bassa della schiena, aiuta a rinforzare gli addominali.

Vogliamo poi parlare degli occhi e della vista? Organo e relativo senso che si utilizza al massimo quando non si usa il mezzo a motore.

La vista consente la percezione degli stimoli visivi e di distinguere le forme, le distanze e i colori di ciò che si osserva. Grazie alla visione binoculare, effettuata cioè con entrambi gli occhi contemporaneamente, è possibile percepire la tridimensionalità degli oggetti.

Tornando al voto, il 90% del quartiere Alessandrino meriterebbe un bel 7 come, ma quel 10% di degrado ha fatto scendere il voto sotto la sufficienza. 

Riprendendo il concetto della vista, alleghiamo le foto che ho scattato questa mattina.

Fatevi, però, una promessa : girate voi stessi il quartiere e osservate le tante cose belle e le poche brutte. 

Quest’ultime le potrete commentare dal vivo con i vostri amici e aiutarvi a farle diminuire sempre più nel futuro, continuando a segnalarle alle autorità, che forse non camminano e non vanno in bici. Altrimenti vedrebbero anche loro e provvederebbero a rendere il quartiere più vivibile.

4 commenti su “Passeggiata ciclo turistica ambientale nel quartiere Alessandrino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati