Renzi 1- Renzi 2 – Questione di “onole”

Fatti e misfatti di novembre 2015
Mario Relandini - 3 Novembre 2015

Renzi 1

“”La Corte dei conti – dopo Bankitalia e gli uffici tecnici di Camera e Senato – ha espresso seri dubbi sulla copertura dei più significativi provvedimenti contenuti nella “Legge di stabilità”. Non solo. Le Regioni – attraverso il loro rappresentante Piero Fassino, hanno fatto sapere che, ove il Governo insistesse nei tagli che vorrebbe imporre loro, si vedrebbero costrette a negare perfino i farmaci salva-vita oppure ad aumentare la tassazione ai cittadini. Ancora. Migliaia di supplenti – hanno denunciato i sindacati – sono, in barba alla cosiddetta “Buona scuola”, da mesi senza stipendio. E l’Italia – secondo l’autorevole “The legatum institute” britannico – è, nella classifica dei 142 Paesi più prosperi, appena in 37.ma posizione”.

E il “premier” Renzi? Il “premier” Renzi, su tutto questo, non dice e non fa. Forse è occupato a scoprire su quale campo di calcio giocherà, domenica prossima, la sua amata “Fiorentina”.

Renzi, governo autoritario? No, chi commenta è pigroRenzi 2

“Quando domani mi incontrerò con le Regioni per affrontare il problema dei tagli – ha invece detto il “premier” Renzi – ci faremo due risate”.

Beato lui. Non si faranno certo due risate tutti quei cittadini a rischio farmaci no o più tasse sì.

Questione di “onole”

“E’ vero – hanno ammesso le autorità cinesi – il 40% dei nostri prodotti venduti “on line” è contraffatto e rende, ogni anno, più di 400 miliardi di euro”.

Ora, però, le autorità cinesi dovrebbero ammettere, anche, la percentuale dei loro prodotti contraffatti che vengono venduti negli esercizi commerciali. E che rendono – secondo gli esperti – molto più di 400 miliardi di euro ogni anno. Meglio sarebbe, anzi, se le autorità cinesi si adoperassero per non far partire questi loro prodotti contraffatti. Perché, ove volessero salvare l’ “onole”, non basterebbe autodenunciarsi come disonesti, ma occorrerebbe i disonesti non fare.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti