Categorie: Ambiente Degrado
Municipi: | Quartiere:

S.O.S. per il decoro di Casal de’ Pazzi

Senza risposta un documento del 2015 che denunciava la presenza di discariche abusive, marciapiedi fatiscenti, buche pericolose per i pedoni e per il traffico

Riceviamo e pubblichiamo

Nello scorso anno la Comunità del MASCI RM 12, con sede presso la Parrocchia di S. M. Maddalena de’ Pazzi, osservando il grave stato di degrado ambientale del quartiere decise di realizzare un rapporto su tale problema da presentare alle autorità competenti.

Fu cosi realizzato un ampio servizio fotografico sulle situazioni più degradate, ad esempio discariche abusive, marciapiedi fatiscenti, buche pericolose per i pedoni e per il traffico, etc.; fu predisposta una lettera di accompagnamento firmata da circa 350 abitanti del quartiere che condividevano l’iniziativa.

via-benigni-2Tale documento fu consegnato e protocollato il 3 luglio 2015 all’indirizzo del Presidente del IV municipio e inviato il 7 luglio con raccomandata A.R. al Presidente della Regione Lazio, all’Assessore per l’Ambiente della Regione Lazio, al Sindaco di Roma, all’Assessore per l’Ambiente del Comune di Roma.

Vogliamo segnalare che oltre alla denuncia, ci eravamo dichiarati disponibili a gestire un Punto Verde “Insieme per il decoro di Casal de’ Pazzi” presso la parrocchia, con lo scopo di ricevere dai cittadini segnalazioni di particolare degrado, inoltrarle e seguirle presso le istituzioni competenti, ma anche di essere un punto informativo su come gestire i rifiuti e su tematiche connesse all’ambiente e al suo degrado.

Ebbene non abbiamo ricevuto alcuna risposta da questi “personaggi” che al momento delle elezioni hanno promesso disponibilità al confronto con gli elettori e a tutt’oggi la situazione ambientale della zona è ulteriormente peggiorata.

Il magister della comunità RMXII

Carlo D’Andria


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati