Sopralluogo di Mauro Caliste in via Fontechiari  a Centocelle

Obiettivo del Presidente del V e della sua Giunta: tentare di recuperare il patrimonio pubblico abbandonato e non utilizzato
Alessandro Moriconi - 6 Gennaio 2022

Continuano i sopralluoghi del Presidente Mauro Caliste e di vari componenti della sua Giunta al fine di verificare la possibilità di investire ed utilizzare una consistente quantità di patrimonio pubblico, lasciata per troppi anni abbandonata e di conseguenza vandalizzata e sovente occupata.

Caliste era accompagnato dagli Assessori Sergio Scalia, Maura Lostia, Marco Ricci e Antonino De Cinti e dall’Ing. Conti, e da alcuni residenti del complesso ERP.

Questi ultimi facenti anche parte del Comitato che da sempre si interessa sia dell’attività teatrale con lo storico “La Forma“ di via Guarcino e cerca di impedire l’ingresso nella struttura vuota da tempo ai malintenzionati. Un compito portato avanti con sacrificio ed abnegazione anche da Bruno Cialini recentemente scomparso, che avemmo anche come guida storica della struttura durante la visita dell’allora delegata alle periferie Federica Angeli che, nominata dalla ex Sindaca Raggi, avrebbe dovuto far emergere tutti quei problemi che, caduti nel dimenticatoio, rischiano poi di essere persi.

Ovviamente l’intento di Caliste e della sua Giunta è di cercare di approfittare dei fondi Europei e in questo gli uffici hanno tempo meno di due mesi per elaborare un progetto di fattibilità è relativo piano economico.

Sul posto anche il responsabile del verde Municipale che già dai prossimi giorni si è impegnato a far eliminare le parte pericolanti dei pini e ripulire la piastra realizzata nel 2008 su via Fontechiari di tutte le infestanti e dei rifiuti accumulatosi nei tredici anni di abbandono.

Sono intervenuti anche diversi condomini del complesso ERP che hanno lamentato la mancanza di manutenzione alle colonne di scarico, le infiltrazioni di acqua dai terrazzi dove da anni è venuta via a causa di una sorta di tornado, l’intera impermeabilizzazione in guaina risalente agli anni della realizzazione delle palazzine.

Nessuna promessa dal Presidente Caliste, ma l’impegno a lavorare per reperire i fondi necessari e programmare gli interventi ad iniziare da quelli che, se non fatti, potrebbero creare danni ancora più consistenti al patrimonio.

Non ci resta che ricordare al motto con cui Caliste ha cadenzato la propria campagna elettorale “la Strada Giusta“.

E noi la racconteremo passo dopo passo.

Macelleria Colasanti

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti