TuliPark: l’arcobaleno a scuola

Henos Palmisano - 19 Dicembre 2022

Grazie alla donazione di migliaia di bulbi, da parte dei fratelli Votadoro, alcune scuole romane, nella prossima primavera, si coloreranno di tulipani variopinti.

Le giornate di questo fine autunno sono piene di nuvole, che, oltre alla sospirata pioggia, in alcune regioni italiane, hanno causato nubifragi disastrosi e allora, forse per reazione, mi viene da pensare alla nota canzone: “Somewhere over the rainbow” (quelle cantate da Judy Garland e da Israel Kamakawiwo’ole).

Era il 1966 quando l’Arno esondò provocando danni irreparabili in una delle più belle città del mondo: Firenze; da allora altri disastri “naturali”, quasi puntualmente, sono avvenuti.

Se di questi pensieri nefasti (oltre le guerre sparse in tante parti del mondo) vengo preso, le passeggiate nel parco di Villa De Sanctis hanno il potere di alleggerire la mia mente; a darmi “per gli occhi una dolcezza al core” è quella parte di terreno già così ben ordinato e arato, che in primavera esploderà in un arcobaleno di colori, grazie alle migliaia di tulipani messi a dimora dai fratelli Votadoro (Davide, Gaetano e Filippo), che da ben 4 anni hanno scelto il V municipio come sede principale per la loro attività, cioè quella di: “portatori sani di bellezza”.

Quest’anno poi, Davide, ha avuto un pensiero stupendo: regalare i bulbi rimasti a numerose persone e istituzioni e, in modo particolare, alle scuole.

Davide, dopo aver preso contatti con l’assessore all’ambiente del V municipio, Edoardo Annucci, ha pensato bene di coinvolgere il “vulcanico” professor Alfonso Liparulo (presidente dell’associazione “Noi Torpigna”), che ha subito organizzato alcuni incontri nelle scuole romane con lo scopo di sensibilizzare le future generazioni a un maggiore rispetto per l’ambiente.

In uno di questi incontri era presente la redazione di Abitare a Roma e precisamente nella riunione tenutasi nell’Istituto Croce, dove, straordinaria organizzatrice, ci aspettava la professoressa Stefania Fragliasso.

Presente la giornalista Letizia Palmisano, social media manager, che, sottolineando come oramai non possiamo più perderci in chiacchiere, dobbiamo agire di persona, ognuno secondo le proprie possibilità, anche con piccoli gesti quotidiani, che sembrerebbero di poco conto, ma che, se moltiplicati per miliardi di persone, potrebbero avere effetti molto benefici per l’ambiente.

Le scuole che hanno aderito al progetto di salvaguardare l’ambiente e piantare i bulbi di tulipano, oltre al liceo Croce, per il momento, sono: Tullio Levi Civita, Kant, Vittoria Colonna, Margherita di Savoia.

L’apertura di TuliPark nel 2023 è prevista nella seconda metà di marzo.

Henos Palmisano

Serenella

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti