Vespro Romano fiaccolata dell’orgoglio cittadino

Per ricordare l’orgoglio di questi romani che si sollevarono e morirono per non rinnegare l’identità di questa città

Domenica 25 febbraio 2024 alle ore 18:30 a largo S. Giovanni de Matha a Trastevere (accanto alla chiesa di S. Crisogono) una fiaccolata, patrocinata dal Municipio I, per ricordare l’orgoglio di quei romani che si sollevarono e morirono per non rinnegare l’identità di Roma e dei romani durante il vespro romano del 25 febbraio 1798: l’insurrezione del popolo di Trastevere contro l’occupante francese e il suo governo laicista e anticattolico.

25 febbraio 1798

Le truppe francesi occuparono Roma con il pretesto dell’uccisione di un generale diplomatico durante una sommossa provocata dai francesi e dai giacobini romani.
Il Papa venne fatto prigioniero ed esiliato, mentre nell’Urbe veniva proclamata una Repubblica sul modello di quella Francese nata dalla rivoluzione.
La nuova repubblica ordinò l’abbattimento dei simboli del vecchio regime, vietò le festività religiose, rimosse le immagini sacre in ogni angolo della città, limitò le libertà religiose e obbligò tutti i cittadini a portare al posto della croce la coccarda con i colori del tricolore giacobino, innalzando nottetempo nelle principali piazze cittadine l’albero della libertà dei rivoluzionari francesi.

Le nuove tasse, lo sradicamento forzato delle tradizioni e le vessazioni continue che i cittadini romani dovettero subire da parte degli occupanti francesi accesero nei quartieri popolari della città un risentimento che il 25 febbraio del 1798 sfociò in una piena rivolta.
Quel giorno, a Trastevere, una pattuglia di guardie civiche intimò ad alcuni giovani di togliere dalla coccarda tricolore la crocetta aggiunta quale simbolo di identità e segno di sfida all’occupante: le guardie civiche finirono gettate nel Tevere e all’ora del Vespro scoppiò la rivolta che, al grido di “Viva Maria”, dilagò in tutti gli altri rioni popolari: Borgo, Monti e Regola si unirono ai tumulti che infuocarono perfino i Castelli Romani.
La città di Roma fu messa a ferro e fuoco per due giorni finché la cavalleria francese non riuscì a sopprimere le resistenze dei rivoltosi.

“Alla memoria delle centinaia di cittadini, perlopiù di umili origini, e dei religiosi fucilati dai francesi alle porte di Piazza del Popolo e poi gettati nelle fosse comuni, l’Amministrazione di Roma non ha mai dedicato un monumento, una via o un ricordo qualsiasi – dichiara il comitato organizzatore – e con una fiaccolata, vogliamo, quindi, ricordare noi l’orgoglio di questi romani che si sollevarono e morirono per non rinnegare l’identità di questa città”.

Timbrificio Centocelle

FB: https://www.facebook.com/VesproRomano
IG: @vesproromano
YT: https://youtu.be/nOVy66qtuxI?si=NvjGMNk2gqwCl2C8______

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati