Categorie: Ambiente Degrado
Municipi: | Quartiere: ,

Viale della Primavera, il degrado continua

Ma noi insisteremo finché chi deve pulire non si deciderà a farlo 

3 Agosto 2021. Insieme a Gabriele Lombardozzi – oltre che del video è anche autore del commento – siamo nuovamente in viale della Primavera nel tratto che costeggia il Quartiere di Villa de Sanctis e dall’Intersezione con via O. Petrini arriva fino alla via Casilina.

Un tratto breve, circa 200 metri, ma luogo preferito da qualche cittadino zozzone ma che vede autentici criminali dell’ambiente scaricarci praticamente di tutto, dai calcinacci ai materassi, dagli elettrodomestici al mobilio, latte di liquidi, parti di auto e nientemeno che copertoni di automezzi pesanti.

A questo degrado indotto si somma poi l’assenza per mesi e mesi di un normale servizio di spazzamento che con la presenza dei tigli, dei polloni e dei resti della fioritura e delle foglie e questo mancato servizio pagato dai contribuenti romani va decisamente a braccetto con i delinquenti che nottetempo o all’alba scaricano non visti quintali di rifiuti ingombranti.

Stamattina siamo voluti andare oltre i nostri servizi in video e con articoli con una dimostrazione pratica, semplice semplice, e, armati di una “ grande scopa “ in pochi minuti e senza strafare abbiamo mostrato come potrebbe essere quel tratto di strada (ovviamente non solo quella) se solo chi preposto organizzasse e programmasse meglio i servizi.

Servizi peraltro ben descritti nel CONTRATTO di SERVIZIO sottoscritto tra l’Ama e il Comune di Roma.

Insomma serve un drastico cambio di rotta che ovviamente ormai non potrà che essere fatti proprio dalla nuova amministrazione che scaturirà dalle prossime elezioni amministrative del prossimo ottobre.

IL VIDEO

https://www.facebook.com/watch/live/?v=994239611375939&ref=search


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati