Categorie: Ambiente Politica
Municipi:

World Water Forum 2027, Roma tra i candidati ad ospitare l’evento

L'Italia ha depositato il 30 giugno scorso la candidatura della Capitale

Prevenzione, manutenzione, innovazione, infrastrutturazione e cultura: sono questi i temi indicati da Francesco Vincenzi, Presidente di ANBI e di E.U.W.M.A. (European Union of Water Management Associations), in apertura del “kick off” di avvio della candidatura italiana e di Roma a sede del World Water Forum 2027; la cerimonia, cui sono intervenuti rappresentanti del mondo imprenditoriale e delle organizzazioni professionali agricole, si è svolta nella Capitale in occasione del sopralluogo del World Water Council, il forum che riunisce la politica, le istituzioni multilaterali, il mondo accademico, la società civile ed il settore privato.

La missione del Consiglio mondiale dell’acqua, come ha ricordato il vicepresidente Eric Tardieu, è quella di riunire la comunità internazionale per convincere i responsabili delle decisioni che l’acqua è una priorità politica vitale per lo sviluppo sostenibile ed equo del Pianeta; vi aderiscono circa 400 organizzazioni provenienti da 60 Paesi nei 5 continenti. Il Forum Mondiale dell’Acqua è il più importante evento internazionale nel settore dell’acqua e, ogni tre anni, si svolge in un Paese diverso, che si candida ad ospitare eventi, dibattiti, mostre, business meeting.

Il Forum fornisce una piattaforma unica, dove la comunità internazionale si confronta su programmi, sfide, opportunità, che riguardano il mondo dell’acqua: dal suo uso in agricoltura ai temi della desertificazione, dalla gestione delle acque interne all’innalzamento del livello dei mari, dall’accesso alla risorsa idrica alla sua distribuzione nelle nostre città fino alle questioni globali della ‘diplomazia blu’. Nel 2024 il X Forum si terrà a Bali in Indonesia con il tema ‘Acqua per una prosperità condivisa’.

La candidatura di Roma:

L’Italia ha depositato il 30 giugno 2023, presso il World Water Council, la candidatura a ospitare l’undicesimo Forum Mondiale dell’Acqua (marzo 2027) nella città di Roma, ‘Regina Aquarum’ e primo comune europeo per estensione agricola, come evidenziato dal presidente della Camera di Commercio capitolina, Lorenzo Tagliavanti. La candidatura è stata presentata dal Comitato Promotore e sostenuta dalla lettera di endorsement del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, a firma del ministro, Antonio Tajani. La proposta completa della candidatura (final bid document) è stata depositata il 31 dicembre scorso. La valutazione delle candidature terminerà nella primavera del 2024, con formale aggiudicazione il prossimo maggio durante il X World Water Forum.

Le date proposte per il Forum in Italia sono i giorni dal 20 al 26 marzo 2027, con lunedì 22 marzo Giornata Mondiale dell’Acqua. In caso di aggiudicazione della candidatura il forum si svolgerà presso il polo congressuale dell’Eur. .L’evento di apertura nel palazzo dello Sport. Convegni, eventi, esposizione e fiera negli spazi della Nuvola, del Palazzo dei congressi, del Salone delle Fontane, Spazio Novecento e in altre aree e strutture. Con altri eventi, mostre e spettacoli previsti in tutta la città.

Il Comitato Promotore, presieduto da Maria Spena, (vicepresidenti: l’assessora ai Lavori pubblici Ornella Segnalini, Massimo Gargano e Marco Rago) è costituito dai delegati di sei ministeri competenti (ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale; ministero dell’Ambiente e della Sicurezza energetica; ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste; ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; ministero della Protezione Civile e delle Politiche del Mare; ministero dell’Università e della Ricerca), Roma Capitale, Regione Lazio, AICS, ANBI, Fondazione EWA e Utilitalia. Il Comitato Tecnico-Scientifico, in continuo allargamento, è costituito da enti, istituti governativi e di ricerca, università, rappresentanti della società civile, imprese, società di consulenza, associazioni, organizzazioni pubbliche e private.

La CASA di Cose da Bagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati