100città per la sicurezza

Iniziativa organizzata dal Forum Italiano per la Sicurezza Urbana per sensibilizzare sul tema le amministrazioni ed i cittadini

Approda alla sua terza edizione “100città per la Sicurezza”, la manifestazione organizzata dal Fisu (Forum Italiano per la Sicurezza Urbana) per sensibilizzare sul tema della sicurezza urbana.
Sarà proprio la Capitale la prima città ad ospitare, all’interno della splendida cornice del Palazzo Senatorio, le molteplici iniziative – dalle mostre agli spettacoli, dagli incontri ai convegni – volte alla sensibilizzazione delle autorità locali e degli stessi cittadini sul tema della sicurezza.

Questo tipo d’incontro vuole dimostrare come Roma Capitale giochi un ruolo di punta nella lotta all’insicurezza e al degrado urbano nella collaborazione e nel confronto con le altre città italiane.

L’evento è stato presentato il 14 ottobre presso la Sala del Carroccio in Campidoglio, alla presenza del sindaco di Modena e presidente del Fisu Giorgio Pighi, del delegato del sindaco di Roma Capitale alle politiche della sicurezza Giorgio Ciardi, del presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale Fabrizio Santori e dell’assessore alla sicurezza della Regione Lazio, Giuseppe Cangemi.

Durante la presentazione è stato anche messo in risalto il lavoro svolto sino ad ora dal Fisu, forum a cui partecipano numerosi sindaci italiani, attivo dal 1996 in oltre novanta città, province e regioni d’Italia con l’intenzione di promuovere nuove politiche di sicurezza urbana.

“100 città per la Sicurezza” sarà anche occasione per la prima nazionale del film documentario “La paura SiCura” del regista Gabriele Vacis, realizzato con la collaborazione di Inteatro (Centro Internazionale per la ricerca teatrale), che verrà proiettato il 15 ottobre alla Casa del Cinema a Villa Borghese a Roma.
Lo scopo è quello di mostrare al pubblico la varietà, la ricchezza e la creatività con cui gli enti locali interpretano le politiche per la sicurezza, alla luce dei principi fondamentali del Fisu, ispirati a libertà, uguaglianza dei diritti e democrazia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati