22enne suicida nel Cpr di Ponte Galeria: Poi i disordini nel centro per i rimpatri

La protesta dopo che un 22enne è stato trovato privo di vita nel Cpr

Sono 14 le persone arrestate dalla Polizia (secondo quanto apprende l’AGI) per i disordini avvenuti nella giornata di ieri Domenica 4 Febbraio 2024 al Cpr di Ponte Galeria, alla periferia di Roma. Una rivolta scoppiata dopo che è stato trovato morto un 22enne della Guinea,il giovane si sarebbe tolto la vita impiccandosi con un lenzuolo. Con il passare delle ore la tensione nel Cpr di via Cesare Chiodi è però aumentata, ed è poi sfociata in violenza.

Secondo quanto si apprende una trentina di ospiti del centro hanno iniziato a tirare pietre contro il personale della struttura. Una vera e propria rivolta con i migranti che hanno poi tentato di sfondare una porta, provando a divellere le grate di un’uscita e poi provando a incendiare una macchina della polizia.

A quel punto è iniziato un lancio di pietre contro il personale dipendente con gli ospiti che stavano per uscire dalla struttura e così sono stati lanciati alcuni lacrimogeni. Sul posto gli agenti del reparto mobile, le volanti della questura, i carabinieri del Reggimento Lazio e i militari dell’esercito. Successivamente sono giunti di rinforzo anche i carabinieri della compagnia di Roma Ostia.

Il motivo – esacerbato dal decesso poche ore prima del 22enne guineano – sarebbe legato al sovrannumero delle presenze e ai trattamenti definiti dagli ospiti “poco dignitosi”.

Al momento dei disordini presso il CPT di Ponte Galeria erano presenti 5 carabinieri del Reggimento Lazio, in servizio di ordine pubblico che sono stati oggetto di lancio di sassi e indumenti incendiati.

Tra questi 2 militari sono rimasti lievemente feriti, uno alla caviglia (slogatura) e uno causa sassata ricevuta al polpaccio. Ferito anche un militare dell’esercito in codice giallo e un operatore dell’Aurelia Hospital che era intervenuto. I personale medico intervenuto ha trasportato a titolo precauzionale gli infortunati in diversi ospedali della Capitale. Sessanta gli ospiti all’interno del Cpr che sono rimasti coinvolti nei disordini che sono ora rientrati dopo cariche di alleggerimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati