A Villa Doria Pamphilj distrutta un’altra targa toponomastica

Raggi: "Inaccettabile nuovo atto vandalico"
Redazione - 28 Aprile 2020

Danneggiata a Villa Doria Pamphili un’altra targa toponomastica e i carabinieri che hanno sorpreso i vandali in azione sono stati presi presi a sassate.

“È successo alle 4 della notte del 27 aprile 2020 – racconta Marco Andrea Doria,  presidente del Tavolo di coordinamento per i parchi e ville storiche di Roma Capitale – quando una pattuglia del carabinieri del Reparto operativo Tutela Patrimonio Culturale, in perlustrazione dopo i danneggiamenti avvenuti durante il lockdown da Coronavirus che vede parchi e ville storiche chiusi al pubblico, hanno sorpreso più persone intente alla distruzione della targa dedicata ai Caduti francesi. I vandali sono fuggiti ma per garantirsi la fuga, hanno lanciato contro i militari i frammenti di travertino della targa toponomastica infranta”.

“Ancora una volta una targa toponomastica è stata danneggiata ieri notte a Villa Doria Pamphilj. Questo è solo l’ultimo di una serie di atti vandalici che si sono registrati negli scorsi mesi: è inaccettabile. Inoltre è stata bersaglio di lancio di pietre una macchina dei carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale che stava inseguendo i responsabili. Mi auguro che questi barbari siano al più presto assicurati alla giustizia”. Così la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

“Ringrazio i carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Culturale e gli agenti del gruppo XII della Polizia Locale di Roma Capitale attivi nel pattugliamento della villa. Grazie anche a Marco Doria, presidente del Tavolo di coordinamento per Villa Doria Pamphilj, sempre in prima linea nella tutela di questa meravigliosa e preziosa area verde della nostra città”, conclude.

Dall’inizio di quest’anno sono state danneggiate all’interno di Villa Doria Pamphilj circa 26 targhe toponomastiche, tre statue, due vasi secolari. L’ultimo atto vandalico, registrato poche settimane fa, ha visto danneggiati e spezzati i gigli della Fontana del Cupido.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti