Municipi: ,

Alfiero Nena, lo scultore amato da tre pontefici

Una monografia e una giornata di studi all'Università LUMSA di Roma il 25 maggio alle 9,30

Alfiero Nena è stato un artista molto legato, per committenze e lavori, a tre pontefici, Papa Paolo VI, Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI. Una monografia, curata dal critico d’arte Luca Nannipieri, con prefazione del Cardinal Angelo Comastri, Vicario Generale Emerito di Sua Santità per la Città del Vaticano, e del Vescovo Assessore del Santo Padre per la Vita Consacrata Daniele Libanori, pubblicata da Campisano editore, e una giornata di studi all’Aula Magna dell’Università LUMSA di Roma (Borgo S. Angelo 13 – 00193 ) il 25 maggio, organizzate e promosse dal Centro Fidia – Museo Alfiero Nena e dagli eredi, intendono dare a lui un nuova luce all’artista nato a Treviso nel 1933 emorto a Roma nel 2020.

La giornata studi avrà i saluti e gli interventi del Cardinale e Arcivescovo emerito di Palermo Salvatore De Giorgi, del presidente del IV Municipio di Roma Capitale Massimiliano Umberti, della prof Anna Paola Tantucci presidente dell’EIP Italia (Scuola Strumento di Pace) e la prolusione dell’autore Luca Nannipieri.

La città di Roma ospita ed espone opere di Nena, in sede permanente, in vari luoghi iconici per la cristianità, come nella chiesa di Santa Maria del Popolo, nel Museo Tesoro di San Pietro, oltre che in disparati spazi pubblici e nella sede del Museo Nena, dove si trova il corpus più nutrito di lavori dell’Artista.

Sue sculture sono conservate nei Musei Civici di Treviso. “Alfiero Nena è un vero teologo attraverso l’arte” scrive nella prefazione il Cardinal Angelo Comastri.

Scrive Luca Nannipieri nella monografia, soffermandosi su una specifica opera di Nena: “La collocazione della grande statua della Vergine Maria sul promontorio di Capri, prima benedetta in piazza San Pietro da Papa Giovanni Paolo II, poi trasportata con un elicottero della Marina Militare americana, avvenuta nel 1979, fu un evento potremmo dire sociale. Vi fu un’ampia partecipazione pubblica, sia a Roma, in Vaticano, sia nell’isola: si può dire che possa essere stata una delle ultime manifestazioni di arte sacra condivisa dalla popolazione e dai massimi rappresentanti della Chiesa”.

Scrive la sorella dell’artista Francesca Nena, ricordando quel giorno, in cui era insieme a tanti cittadini di Capri venuti per l’occasione: “Essere in piazza San Pietro con la “loro” Madonna che veniva benedetta dal pontefice era un’emozione. Tutti assieme presso il piedistallo con la statua, a fianco al palco papale, senza diaframmi, senza distinzione. Per loro gente di mare quella statua rappresentava il baluardo, la perenne difesa nelle avversità, l’affido incondizionato nelle mani della Vergine. Lo stesso papa, allora giovane e forte, era sceso tra la folla ad impartire la benedizione e si intratteneva con loro. Capri quel giorno divenne centro del mondo, quasi una rivincita di popolo, quello ordinario, normale, devoto, contro il jet set mondano che si dà appuntamento nell’isola”.

Luigi Matteo, che da tempo cura l’archivio dell’artista, scrive: “La ricerca di Dio per Nena va di pari passo con l’essenza stessa della sua arte (che corre verso la verità), un’arte cruda, scarnita, senza orpelli, un’arte-verità diremmo oggi. Alfiero è senza indugi; corre dritto dove deve arrivare. Nella sua arte deve esprimere subito, in fretta, quel che deve comunicare. E usa sempre il mezzo più veloce. Plastilina e terracotta vanno bene. Poi invece quando lavora il ferro è come pervaso da un sacro furore. Lavora con il più difficile dei materiali per l’arte e con il più difficile dei suoi pensieri, Dio. Nell’animo sente fortemente la sua attrazione verso di Lui e sente urgente il bisogno di rappresentarlo. Deve dare un volto all’ineffabile”.

“Il laboratorio di Alfiero era una vera e propria fucina, dove tutte le opere artistiche venivano realizzate dall’inizio alla fine. Le sue creazioni in creta sarebbero diventate terracotta o bronzi e tutti i passaggi necessari – dalla forma in negativo, realizzata in gesso a tasselli, per ottenere il modello in cera, fino alla fusione in bronzo – erano gestiti in prima persona dall’artista, che si avvaleva dell’aiuto di artigiani. Anch’io lo aiutavo parecchio” scrive Giorgio Nena ricordando il cantiere dove nascevano le opere di Nena.

Afferma il Vescovo Libanori: “È un onore per Roma e per la Città del Vaticano avere presenti, in alcuni luoghi simbolici per la cristianità, le opere di Alfiero Nena, un artista che ha saputo rinnovare la lunga tradizione dell’arte sacra con uno stile personale che lo ha contraddistinto e, al tempo stesso, lo ha inserito nell’alveo degli scultori cristiani dell’ultimo secolo. Il volume pubblicato, documentando anche la riconoscenza e la collaborazione che Alfiero Nena ha avuto con tre pontefici – Papa Paolo VI, Papa Giovanni Paolo II, Papa Benedetto XVI – e dando voce ai suoi familiari e a coloro che lo hanno aiutato lungo la sua vita, documenta un’umanità profondamente intrisa di valori cristiani”. Il volume, promosso dal Museo Nena, da Scuola Strumento di Pace – EIP Italia, con il supporto della Banca Credito Cooperativo di Roma, ospita anche gli interventi di Luigi Matteo che cura l’Archivio Nena, dei fratelli dell’artista, Francesca e Giorgio, e di Anna Paola Tantucci, presidente EIP Italia. Sono state molte le occasioni di confronto che Nena ha avuto con i tre diversi pontefici, che lo hanno portato a collocare alcune sue opere in luoghi emblematici. Tra tutti, si ricorda la grande scultura Cristo Lux Mundi, in Santa Maria del Popolo. Scrive ancora Nannipieri: “A pochi passi dai dipinti di Caravaggio, del Pinturicchio, del Carracci, di Del Piombo, dalla Cappella Chigi, in mezzo a questo fulcro così significativo dell’arte italiana che è la chiesa di Santa Maria del Popolo a Roma, è stata sistemata nel 1990 l’opera di Nena, Cristo Lux Mundi, una grande scultura in bronzo, ferro e travertino, in cui l’artista converte i simboli dell’immagine sacra, connubiando in una sola rappresentazione il momento della crocifissione e il momento della conseguente resurrezione: il legno della Croce scompare e diventa raggiera, ma i raggi di sole, della Resurrezione, non vengono dal cielo, ma dal basso, dal rocciame, irradiandosi verso l’alto. Nena rappresenta Cristo sia come testimone di vita mortale, sia come anelito alla vita immortale. Un Gesù carico della sua pena, ma con le mani e le braccia non vinte dal dolore, anzi alzate”.

La giornata di studi, ospitata all’Aula Magna della LUMSA di Roma, organizzata dal Centro Fidia-Museo Nena, parte alle 9.30 della mattina ed è ad ingresso gratuito.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati