Arrestate dalla Polizia 5 persone gravemente indiziate di reati di rapina, furto aggravato e tentato furto

Continua costante l’impegno della Polizia di Stato volto al contrasto dei reati predatori.

Ancora 5 le persone arrestate dalla Polizia di Stato nelle ultime ore perché gravemente indiziate,  a vario titolo, dei reati di rapina, furto aggravato e tentato furto.

Due agenti liberi dal servizio, appartenenti all’Ispettorato Vaticano – Sezione U.O.P.I. e alla Squadra Mobile hanno arrestato 2 italiani, entrambi di 18 anni, poiché sorpresi mentre asportavano in via di Pietralata un motoveicolo parcheggiato sulla pubblica via. Nello specifico  gli agenti hanno notato  uno dei due giovani colpire ripetutamente con violenza il manubrio nel tentativo di forzare il blocca sterzo. Fermati dai poliziotti i due sono stati identificati e arrestati.

Sono stati invece i poliziotti della Sezione Volanti e della Squadra Mobile ad arrestare un 32enne che si è introdotto all’interno di un locale commerciale in Largo Corrado Ricci, rompendo la parete in cartongesso e forzando la porta a vetri. Una volta individuata e aperta la cassa è però scattato l’allarme con relativa attivazione del sistema fumogeno. Gli agenti giunti sul posto lo hanno bloccato e arrestato.

Inoltre, gli agenti del commissariato Viminale e della Sezione Volanti hanno arrestato un tunisino di 27 anni. L’uomo è stato sorpreso in via Principe Amedeo a bordo di una bicicletta elettrica appena rubata. Il proprietario, mentre entrava all’interno di un esercizio commerciale, ha visto l’uomo appropriarsi della bicicletta posteggiata sulla via e allontanarsi verso piazza dei Cinquecento dove è stato prontamente bloccato dagli agenti.

Infine gli uomini del commissariato Porta Maggiore hanno arrestato un 38enne romano già sottoposto agli arresti domiciliari per due rapine risalenti al mese di dicembre 2021. L’uomo, già agli arresti domiciliari, è stato condotto in carcere per i medesimi reati.

Tutti gli arresti sono stati convalidati.

Ad ogni modo tutti gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati