Municipi:

Atac cerca 400 persone tra autiste e autisti: ecco il nuovo bando

Per partecipare basta aver compiuto 21 anni ed avere le patenti idonee

ATAC assumerà oltre 400 persone nel corso del 2024 per rafforzare l’organico di autiste e autisti anche in vista del Giubileo. Con questa nuova call Atac avrà assunto, nel biennio 2023-2024, oltre 1000, tra donne e uomini, per accompagnare il rilancio del servizio di trasporto pubblico di Roma . A tal fine è stato pubblicato nella sezione “Lavora con noi”, il nuovo bando per selezionare i conducenti che costituiranno il bacino dal quale l’azienda attingerà per le nuove assunzioni.

Chi può partecipare e come. Fra i requisiti richiesti, l’aver compiuto i 21 anni e non aver superato i 55, essere in possesso delle patenti specifiche e della cittadinanza italiana o di altro Stato dell’Unione Europea o, per i cittadini extra UE, essere in possesso di regolare permesso di soggiorno.

Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12.00 del 30 aprile 2024. Nel bando è prevista un’eventuale possibilità di proroga anche se l’Azienda invita tutti i candidati a presentare domanda entro la data di scadenza. Atac sarà supportata nel corso dell’iter selettivo da una società specializzata che avrà l’incarico di verificare il possesso dei requisiti, svolgere i test preselettivi ed i colloqui psicoattitudinali.

Parte campagna informativa. La call per la selezione sarà accompagnata da una campagna informativa mirata ad attrarre tutti i potenziali candidati, anche oltre il territorio romano. La campagna, con un forte slancio inclusivo, pone al centro valore e unicità della persona in quanto individuo, infatti colei o colui che conduce un mezzo ha la responsabilità dei passeggeri e, al contempo, quella di offrire il miglior servizio possibile, nell’ambito delle sue mansioni. Da qui lo slogan “Cerchiamo persone, non personale”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati