Categorie: Associazioni
Municipi: | Quartiere:

Campo sportivo di Via degli Alberini: prevale il buonsenso

I giovani potranno concludere i campionati per la favorevole disponibilità del Municipio IV

Prevale il buonsenso nella vicenda del campo sportivo di Via degli Alberini: i giovani potranno concludere i campionati per la favorevole disponibilità del Municipio IV.

Di seguito il comunicato stampa del IV Municipio che chiarisce l’intera annosa vicenda che ha portato inevitabilmente allo sgombero e chiusura del campo con le relative attività sportive che in esso si svolgevano:

“Ieri pomeriggio la giunta del Municipio IV ha ricevuto una delegazione dei genitori dei ragazzi atleti dell’ASD Tor Sapienza che protestava per la chiusura dell’impianto sito in via degli Alberini dove svolgevano l’attività sportiva, a seguito della presa in carico dall’Amministrazione Municipale”.

È quanto fanno sapere il presidente del Municipio IV, Massimiliano Umberti, e la giunta municipale in una nota.

“Ai genitori – si legge- è stato rappresentato quanto segue.
Il contratto di concessione dell’impianto sportivo di via degli Alberini è giunto a naturale scadenza il 19 aprile del 2017. Il Municipio Roma IV, con la determinazione dirigenziale 117/2021 del 28 gennaio 2021 (amministrazione precedente), ha rigettato l’istanza di prolungamento della concessione a canone ridotto, formalizzata dall’ASD Tor Sapienza per grave inadempimento della concessionaria ASD Tor Sapienza in merito all’ordine di demolizione delle opere abusive contestate addirittura nel 2013 con la determinazione dirigenziale 932/2013”.
“Il Consiglio di Stato, con la sentenza 0623/2024 pubblicata il 19 gennaio 2024 – prosegue il IV Municipio – ha ribaltato integralmente la sentenza del TAR del Lazio numero 06503 stabilendo che ‘Roma Capitale non può procedere a prolungare il termine di durata della concessione stante l’abusività dei lavori e il mancato conseguente ripristino dei luoghi'”.
“L’ASD Tor Sapienza – fa sapere ancora il Municipio IV – a esito e a riforma di quest’ultima sentenza, ha proposto giudizio per revocazione della sentenza 0623/2024 al Consiglio di Stato. Il 18 aprile 2024 il Consiglio di Stato, con l’ordinanza numero 01462, ha respinto l’istanza cautelare presentata dall’ASD Tor Sapienza diretta a revocare la sentenza 0623/2024 anticipando che il ricorso per revocazione appare inammissibile”.
“In esito all’ordinanza 01462 l’Avvocatura Capitolina ha intimato alla direzione del Municipio IV di ‘agire d’imperio e senza ulteriori avvisi per rientrare in possesso, avvalendosi della Polizia Locale, della struttura atteso il perdurare della situazione di occupazioni senza titolo è foriera di oggettive responsabilità’.

L’Amministrazione Municipale, al fine di adempiere a quanto disposto dal Consiglio di Stato, con una nota già il 6 febbraio 2024 aveva comunicato all’ASD Tor Sapienza di provvedere, entro 90 giorni dalla data di pubblicazione della sentenza, alla restituzione del bene libero da persone e cose ed in perfette condizioni di manutenzione”.
“Queste informazioni in parte sono state abbondantemente omesse dall’ASD Tor Sapienza che non si è mai attivata per reperire soluzioni alternative e per informare esaustivamente le famiglie dei nostri atleti – aggiunge il IV Municipio – A recepimento delle richieste avanzate dalla delegazione dei genitori degli atleti in merito alla necessità di far concludere i campionati e le attività programmate in corso, abbiamo già ribadito anche ieri la massima disponibilità ad applicare eventuali nuove disposizioni dell’Avvocatura Capitolina continuando a mantenere la guardiania e la custodia su una temporanea fruibilità dell’impianto sportivo”.

“Consideriamo i ragazzi e le loro famiglie – conclude il Municipio – le prime vittime di questa assurda vicenda causata dall’ASD Tor Sapienza che ha messo in difficoltà anche l’Amministrazione Municipale che ha dovuto attenersi alle precise disposizioni impartite, in esecuzione della Sentenza del Consiglio di Stato, dall’Avvocatura Capitolina.
Il Municipio si è già impegnato, nel frattempo, a garantire la sicurezza dell’impianto, affidandone temporaneamente la guardiania ad un Ente del terzo settore iscritto all’albo della Protezione Civile del Comune di Roma, e a monitorare che in tempi brevi si pervenga alla pubblicazione del Bando di affidamento dell’impianto ad opera del gruppo di lavoro già formato tempestivamente dai tre direttori del Municipio Roma IV, affinché sia prontamente fruibile dalla cittadinanza”.

La verità dell’A.S.D. Tor Sapienza sullo sgombero del campo di via Alberini

Dura presa di posizione della Associazione Sportiva Dilettantistica sulla decisione del IV municipio. Il video intervento della Gesis. Il 14 maggio i ragazzi giallo verdi in piazza del Campidoglio


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

2 commenti su “Campo sportivo di Via degli Alberini: prevale il buonsenso

  1. Sarebbe carino scrivere Notizie vere, l’under 15 , l’under 16 e l’under 17 oggi infatti si sono allenati al campo del Certosa e domani l’under 16 disputerà la partita che sarebbe dovuta essere disputata all’ Alberini , al campo dei Giardinetti . Ringraziamo la società Certosa e la Società Giardinetti per la disponibilità. Purtroppo pur parlando del buon senso che ha prevalso i ragazzi del Tor Sapienza non se ne sono accorti….

  2. A seguito del Comunicato emesso dal Municipio IV, la Società A.S.D. Tor Sapienza tiene a precisare quanto segue per confutare quanto affermato:

    questa tardiva disponibilità a lasciare terminare l’attività dei ragazzi da parte del Municipio IV è stata dettata non dal buon senso , ma ESCLUSIVAMENTE dal fatto che il municipio si è FINALMENTE reso conto dell’incalcolabile danno fatto ai danni degli incolpevoli atleti, famiglie e Società e SOLO dopo aver realizzato la IMPOPOLARITA’ che ne è scaturita.

    Purtroppo “L’IMPERIO” SUGGERITO DALL’AVVOCATURA COME MODALITA’ DI GESTIONE DELL’INTERA VICENDA ha reso di fatto impossibile la prosecuzione dell’attività , dal momento che ha costretto a portare via in fretta e furia, come sfollati da una guerra, TUTTO IL MATERIALE SPORTIVO, attrezzature palloni, mute , cartellini, e’ stata smantellata la sala medica e di primo soccorso con attrezzature obbligatorie e fondamentali per la sicurezza dei ragazzi in campo, il materiale di UNA VITA DI ATTIVITA’ SPORTIVA , nonché disattivare corrente elettrica e gas ! Tra l’altro la società non è stata assolutamente informata della decisione di poter riprendere attività, il discutibile “buon senso” viene usato come immagine di facciata ma non più realizzabile.

    La tardiva soluzione proposta dal municipio quindi NON SOLO NON E’ PIU’ PRATICABILE , ma serve a testimoniare la assoluta mancanza di conoscenza dello Sport e delle regole che lo governano .
    Purtroppo ancora una volta si scopre come il modo di procedere dei politici nel risolvere le questioni SIA ASSOLUTAMENTE LONTANA dalla realtà. Nel lacunoso comunicato stampa, come sempre si omettono passaggi fondamentali, come citare in quale parte della (discutibile) sentenza del CDS si richieda lo sgombro immediato, oppure come mai è rimasta disattesa per anni la sentenza del TAR del Lazio che imponeva al municipio il rilascio del prolungamento della concessione, oppure il decreto di archiviazione del tribunale penale di Roma che ha ritenuto la porzione di spogliatoi in questione , come “non incidenti sull’ordinato assetto urbanistico” e rispondenti al “pubblico interesse” in quanto “diretti a garantire la miglior fruizione di un bene collettivo “. Ebbene, a fronte di tutto ciò, a causa di tali spogliatoi, considerata opera meritoria dal tribunale penale di Roma, si è invece ritenuto di dover sgomberare l’impianto, dopo aver negato il prolungamento della concessione come nostro diritto, avendo speso oltre un milione di euro nella ristrutturazione dell’impianto in cambio dell’impegno formale sottoscritto dal municipio IV di prolungare la concessione in proporzione all’entità dell ‘investimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati