Carnevale nelle scuole di Colli Aniene

Ad esse il compito di continuare a seguire la tradizionale festa
Antonio Barcella - 19 Febbraio 2020

Ormai il nostro territorio ha perso da tempo le tradizionali sfilate di Carnevale che portavano allegria e socialità nei quartieri, dal Carnevale di Rio Aniene al Gran Carnevale Romano del tiburtino con le maschere di Tiburtello, la Bella Romanina, e il famoso Generale Mannaggia La Rocca con il suo esercito “spettacolare”. Ora le maschere romane sono costrette ad esibirsi su altri palcoscenici, lasciando alla scuola il compito di continuare a seguire la tradizione.
E, nonostante le difficoltà, la scuola non si tira indietro… domani 20 febbraio, due eventi strapperanno un sorriso a tutti.

Si comincia con l’I.C. Tullio De Mauro che ha organizzato una festa di carnevale dalle ore 10.00 alle ore 11.00 circa, dal tema: “Difendiamo il nostro ambiente dall’inquinamento e dal rischio di estinzione imminente” . Gli alunni di tutto l’istituto, dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria di primo grado, faranno “festa” nella sede centrale di via Santi, 65. Saranno presenti come supporto logistico alla manifestazione i membri dell’associazione Piccoli Giganti ONLUS. Durante la festa è consentito l’ingresso dei genitori in giardino.

Per quanto riguarda l’I.C. Angelica Balabanoff si terrà per le classi della Primaria la “passeggiata di carnevale” lungo le vie situate nei pressi della scuola; la passeggiata avrà inizio alle ore 10.00 e terminerà alle ore 11.30 circa. I Genitori sono invitati a partecipare a questo momento di festa e di allegria. In caso di pioggia la passeggiata sarà rinviata a Martedì 25 Febbraio.

Fresco Market
Fresco Market

Il Carnevale è la festa più pazza dell’anno che coinvolge adulti e bambini. Al contrario di quel che si può credere il carnevale è una festa religiosa, probabilmente ereditata dalla festa romana in onore di Saturno (Carnalia) ma adottata dalla tradizione cristiana, che esprime il bisogno di una temporanea liberazione dai doveri sociali e dagli ordinamenti per liberare la voglia di anarchia e licenziosità che si esprime nello scherzo e negli sberleffi tanto più graditi se rivolti al potente di turno. Durante i festeggiamenti tutto sembra permesso: allegria, balli, divertimento tra cibi tradizionali, coriandoli e stelle filanti. L’elemento caratteristico del Carnevale è l’uso della maschera, che originariamente era indossata per nascondere le fattezze umane allo scopo di allontanare gli spiriti maligni. in seguito fu adottata dal teatro greco e romano fino a fiorire nella Commedia dell’Arte.

 

Antonio Barcella


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti