Coordinamento Romano Acqua Pubblica: tutti a Piazza del Campidoglio

Per dire No alla ulteriore privatizzazione di Acea
Enzo Luciani - 10 Febbraio 2010

"Tutti a Piazza del Campidoglio, per dire No alla ulteriore privatizzazione di Acea e per ribadire che Acea deve essere ripubblicizzata". E’ l’appello alla mobilitazione rivolto alla cittadinanza dal Coordinamento Romano Acqua Pubblica in occasione del Consiglio comunale straordinario in cui verrà definito il destino di Acea, giovedì 11 febbraio 2010..

 

"Il Sindaco Alemanno  – continua la nota del Coordinamento – ha già più volte manifestato la propria intenzione di ridurre ulteriormente la partecipazione del Comune di Roma dall’attuale 51% al 30% e dunque giungere alla definitiva privatizzazione dell’azienda romana. Ma i servizi pubblici sono diritti dei cittadini, e non possono essere affidati a SPA private che perseguono lo scopo di lucro. Da molti anni ormai Acea non è più l’azienda municipalizzata del Comune di Roma. Acea si è trasformata in una holding, che persegue il disegno delle politiche liberiste degli ultimi decenni. Da tempo i movimenti sono in campo per la difesa dei beni comuni: In ogni territorio gestito da Acea sono nate lotte per l’acqua, contro la sua privatizzazione e per la ripubblicizzazione del servizio idrico. 400.000 cittadini italiani hanno firmato una legge d’iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dell’acqua. E in migliaia scenderemo in piazza il prossimo 20 marzo per una grande manifestazione nazionale contro la privatizzazione dell’acqua e in difesa dei beni comuni. E’ sull’onda di queste esperienze che vogliamo riaffermare che l’acqua è un bene di tutti e che nessun Sindaco – per quanto eletto – può disporne come se gli appartenesse. Per questo dichiariamo il nostro NO all’ulteriore svendita ai privati di Acea. Diciamo NO a chi vuole mettere le mani su un bene primario della cittadinanza. Per questo chiediamo alla città di mobilitarsi per ottenere la totale ripubblicizzazione di Acea e la riappropiazione di un proprio diritto fondamentale. Perché si scrive acqua, ma si legge democrazia e capacità di futuro".

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti