Partita la riorganizzazione della Rete dei Centri di Orientamento al Lavoro

Inaugurata la prima sede con la funzione di Macro COL in Largo del Capelvenere, nel X Municipio
Redazione - 29 Settembre 2021

Entra nella fase attuativa la valorizzazione della Rete dei Centri di Orientamento al Lavoro di Roma Capitale: una riorganizzazione studiata per razionalizzare spazi e risorse e rendere più efficaci i servizi offerti all’utenza, in collaborazione con tutti gli enti che, a vario titolo, si occupano di sostegno alla ricerca di lavoro.

Nell’ambito della ridefinizione delle sedi, è stata inaugurata questa mattina, 29 settembre 2021, la prima sede con la funzione di Macro COL. Si trova in Largo del Capelvenere, ad Acilia nel X Municipio, ed è intitolata a Pier Paolo Pasolini e aperto. Lo spazio, che si trova nella stessa area dove l’Amministrazione Capitolina, attraverso un bando, ha assegnato immobili comunali in disuso per nuove attività imprenditoriali sul territorio, si occupa in maniera specifica di orientamento all’impresa e individuazione di agevolazioni e finanziamenti per startup.

Oltre alla creazione dei Macro COL, che rafforzeranno la collaborazione con le strutture territoriali e i servizi pubblici e privati presenti nei quadranti di competenza, la riorganizzazione prevede anche l’attivazione dei “COL Point” all’interno dei quindici Municipi romani, che si sostanziano in un insieme di iniziative sui temi del lavoro e dell’occupabilità da realizzare nei territori e/o a distanza in modo da raggiungere tutti i membri della comunità, permettendo l’accesso ai servizi in modo capillare e diffuso.

La riorganizzazione e la valorizzazione della Rete COL hanno, come obiettivo finale, la realizzazione di Centri Polifunzionali dei Servizi al Lavoro – Poli per il lavoro (HUB) spazi condivisi in cui potranno collaborare il Centro di Orientamento al Lavoro, il Centro per l’impiego, consulenti per l’autoimpiego, Centri di Formazione Professionali, Enti di formazione accreditati, Camera di Commercio, servizi sociali e privato sociale. I Poli per il Lavoro saranno degli spazi di “socializzazione al lavoro” dove accrescere l’occupabilità, connettere domanda e offerta di lavoro, mettere a disposizione spazi di coworking. Una struttura unica che riesca a concentrare competenze e funzioni oggi parcellizzate.

«In questi ultimi due anni, – informa un Comunicato del Campidoglio – i COL di Roma Capitale hanno rappresentato un punto di riferimento fondamentale per un’utenza già fragile ancora più penalizzata dalla crisi dovuta alla pandemia, grazie alla digitalizzazione dei servizi, e alla diversificazione dei servizi offerti, potenziati con il programma formativo #DigitalRestart, ideato da Microsoft e portato avanti in collaborazione con Fondazione Mondo Digitale. Nello stesso tempo, sono stati attivati centinaia di tirocini, finalizzati anche all’inserimento di detenuti ed ex detenuti, e intensificati i partenariati strategici per l’inserimento nel mercato del lavoro».

«Assume particolare rilevanza – conclude il comunicato – la progettazione in corso per la realizzazione e sperimentazione del Macro COL Digitale, pensato nell’ottica dell’innovazione focalizzata sulla persona e della semplificazione e accessibilità dei servizi resi dall’Amministrazione Capitolina attraverso piattaforme tecnologiche, in linea con i principi e le finalità del progetto Citizen Relationship Management e la Casa Digitale del cittadino».


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti