Firmato contratto integrativo per 22mila dipendenti di Roma Capitale

È stato sottoscritto oggi con le Organizzazioni Sindacali e le RSU di Roma Capitale il rinnovo del contratto integrativo dei 22mila dipendenti capitolini.

La novità di maggior rilievo consiste nell’aggiunta al fondo del salario accessorio di 42 milioni di euro, residui non utilizzati delle precedenti annualità, che saranno distribuiti in forma di incentivi economici al personale di Roma Capitale: circa 750 euro per l’anno 2023 e 1500 euro per il 2024.

Tra i punti qualificanti dell’intesa, inoltre, rientrano gli aumenti di tutte le voci indennitarie legate alle specifiche responsabilità e alle condizioni di lavoro, ad esempio servizi esterni e sicurezza stradale per la Polizia Locale; attività di accoglienza e sportello al pubblico; continuità educativa per scuole e nidi; rischio professionale per gli assistenti sociali.

“Roma riparte anche per il personale dell’Amministrazione. Come per le migliaia di assunzioni portate avanti nei mesi scorsi – ha commentato il Sindaco Roberto Gualtieri – e per la prossima conclusione della procedura per le progressioni verticali, con questo accordo puntiamo a valorizzare la professionalità e l’impegno per Roma Capitale, investiamo per migliorare la qualità dei servizi ai cittadini, affrontiamo al meglio le grandi sfide della trasformazione della città, del Giubileo e del Pnrr, blocchiamo la fuga verso altre pubbliche amministrazioni, che troppo spesso condiziona il nostro reclutamento di personale. Oggi facciamo ancora una volta seguire i fatti agli impegni, lavorando seriamente, spesso in silenzio, ma con l’unico obiettivo di compiere quelle scelte necessarie per superare anni di ritardi e sottovalutazioni”.

Catering a Roma

“La firma di oggi segna un traguardo fondamentale sul fronte delle politiche del personale – ha spiegato l’Assessore alle Politiche del Personale Andrea Catarci: un’intesa importante che mancava dal 2019, scaturita a esito di una trattativa intensa e collaborativa con le rappresentanze sindacali. Grazie agli incentivi economici aumentiamo gli stipendi da lavoro povero e finalmente rimettiamo in moto una macchina amministrativa bloccata da quasi 5 anni sulla valorizzazione dei dipendenti capitolini. Gli aumenti compresi tra 1500 e 2200 euro all’anno, a regime a partire dal 2024, superano anche quanto riconosciuto con gli ultimi due contratti nazionali di categoria. Insieme ai riconoscimenti di professionalità rimessi in moto con le 2055 progressioni verticali, che mancavano da 14 anni, e all’aumento delle indennità per le Elevate Qualificazioni, tali provvedimenti configurano un pacchetto di interventi omogenei finalizzati a innalzare gli standard del lavoro dipendente, aumentare la qualità dei servizi alla città e bloccare la fuga di personale verso altre Pubbliche Amministrazioni. Un ringraziamento sentito va ai dirigenti della delegazione trattante, al personale del Dipartimento Organizzazione e Risorse Umane di Roma Capitale e a tutti i rappresentati sindacali con cui è stato condiviso il percorso verso un risultato mai conseguito in precedenza”.

I DETTAGLI CONTRATTUALI

Consulta la sintesi con i dettagli contrattuali per maggiori approfondimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati