Furti e scippi in metro, la premier Meloni: Ora basta, stretta sui borseggiatori

Il Governo punta a limitare i danni in vista dell'arrivo di centinaia di migliaia di turisti e di pellegrini per il Giubileo 2025

Lotta senza sosta ai borseggiatori delle metropolitane della città. Dopo gli ultimi episodi di violenza, con regolamenti di conti fra bande, e il ferimento di due pregiudicati, un ragazzo peruviano accoltellato alla schiena da un rivale e concorrente venezuelano (da catturare) alla fermata di piazza di Spagna, e il pestaggio di una croata rom incinta all’ottavo mese da parte dei boss che da lei pretendevano il bottino dei furti alla stazione Termini, nella giornata di ieri Lunedì 8 Aprile 2024 è scesa in campo la premier Giorgia Meloni.

Che commenta così: “L’ennesimo episodio inaccettabile che dimostra l’importanza di contrastare con determinazione il borseggio e l’accattonaggio forzato, fenomeni che colpiscono non solo le vittime dirette, ma anche coloro che, in alcuni casi, sono costretti a praticarli”, ha commentato la presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

Il Governo – aggiunge – ha avuto il coraggio di intervenire su questo fenomeno, sul quale altri hanno chiuso gli occhi, con le misure anti borseggio contenute nel Pacchetto Sicurezza, attualmente al vaglio del Parlamento. Continueremo a implementare questo lavoro per fermare il racket del borseggio e proteggere la sicurezza di tutti i cittadini, specialmente nelle stazioni, nelle metropolitane e in tutte le zone sensibili della nostra nazione”.

Un freno ai furti in metro che sembra davvero necessario. A Roma, inoltre, poi con l’arrivo di centinaia di migliaia di turisti e di pellegrini anche in vista del Giubileo 2025, le bande di sudamericani e di chi vive nei campi rom, potrebbero diventare ancora più aggressive.

Le cronache di questi giorni raccontano che chi non guadagna abbastanza, invade il territorio di altre gang e spesso l’azione corrisponde a una reazione. Noncuranti peraltro non solo delle altre persone che filmato tutto con i telefonini e postano i video sui social.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati