Mattia Zecca

Il Teatro Biblioteca Quarticciolo presenta la rassegna “Lo capisce anche unə bambinə”

In scena il 17 maggio per la Giornata internazionale contro l'omolesbobitransfobia

Il Teatro Biblioteca Quarticciolo in collaborazione con il Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Biblioteche di Roma e Municipio V-Roma Capitale sceglie di dedicare la rassegna LO CAPISCE ANCHE UNƏ BAMBINƏ al tema delle adozioni LGBT+ e alle famiglie arcobaleno.

Tre gli appuntamenti in programma: il 17 maggio alle ore 18.30 l’incontro STORIA DI UNA FAMIGLIA INCONCEPIBILE (ingresso libero con prenotazione obbligatoria) a partire dal libro Lo capisce anche un bambino (Feltrinelli) di Mattia Zecca.

Mattia Zecca

Il racconto della sua storia personale, di una famiglia composta da due papà e due figli che la legge italiana costringe all’invisibilità assume una grande valenza collettiva, che ci riguarda come figli prima ancora che come genitori, nel nostro diritto assoluto di essere visti per quello che siamo: “Il potere dei libri è proprio questo – spiega Zecca – raccontare storie per avvicinare, abbattere resistenze, costruire ponti. Far scoprire familiare ciò che da lontano può apparire estraneo. Ogni bambino lo sa”.

Per l’occasione partecipano all’incontro anche Marilena Grassadonia, coordinatrice UFFICIO DIRITTI LGBT+ di Roma che dichiara: “Con l’istituzione dell’Ufficio Diritti LGBT+ Roma Capitale si è assunta la responsabilità istituzionale di stare a fianco della comunità lgbtqia+ e di fare la propria parte per migliorare la vita reale delle persone. Ed è per questo che oggi sono molto felice di essere qui, perché grazie alla storia di questa “famiglia inconcepibile” abbiamo l’occasione di fare cultura e portare avanti quella riflessione preziosa necessaria per rendere migliore la nostra città.”

All’incontro partecipano anche Mario Colamarino, presidente Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli e Alessia Crocini, presidente Famiglie Arcobaleno; coordina Marzia Grasso, assistente sociale Municipio V – Roma Capitale.

Sempre il 17 maggio, alle ore 21.00, in scena VENERE/ADONE di e con Danilo Giuva della Compagnia Licia Lanera uno spettacolo sull’amore: “quella condizione che pone ogni essere umano, che si trova a dover gestire i primi tormenti dell’amore – spiega il drammaturgo e interprete – quella stretta linea di confine tra l’essere e il sentire su cui è necessario trovare un proprio punto di equilibrio in cui stare. Ogni adolescente credo abbia la propria condizione di confine e credo sia necessario parlarne”.

Nello spettacolo ogni emozione viene scandagliata: il primo palpito d’amore, tutti gli escamotage utilizzati per frequentarlo, gli sguardi, le speranze e le ritrosie… Tutti questi sentimenti vengono trasmessi in scena da Giuva con una sincerità assoluta, diventando paradigmi di tutti i primi amori adolescenziali con le loro speranze e le loro disillusioni.

Venere-Adone

Chiude la rassegna il 25 maggio alle ore 19.00 l’incontro sul libro Sarà solo la fine del mondo (Marsilio Editori) romanzo di esordio di Liv Ferracchiati – pluripremiato autore e regista teatrale e performer che porta a teatro l’identità di genere, i traumi e il comico della generazione under 40 dell’Italia di oggi – che mette in scena l’inadeguatezza a noi stessi e agli altri e la diversità che sempre ci fa stupendi.

L’incontro fa parte anche della rassegna TBQLETTERATURADUEMILA. Ingresso libero con prenotazione obbligatoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati