Categorie: Cultura Teatro
Municipi: | Quartiere:

Incendi di Fabrizio Sinisi e Mario Scandale al Teatro Biblioteca Quarticciolo

L'11 febbraio ore 21:00 e il 12 febbraio ore 17:00 in via Ostuni 8 

Dopo La gloria, già ospite lo scorso anno al Teatro Biblioteca Quarticciolo, Fabrizio Sinisi e Mario Scandale realizzano con INCENDI (in scena l’11 febbraio alle 21:00 e il 12 febbraio alle 17:00) un secondo capitolo volto a indagare quel fragile territorio di frontiera che è la giovinezza e la sua relazione, ora come allora, con il mondo esterno: le potenti dinamiche genitoriali da troncare e gli altrettanto potenti movimenti politici e sociali in cui si è immersi, movimenti che influenzano scelte e cambi di direzione e che a volte possono essere fatali. Dalla Vienna e dalla vicenda del giovanissimo Hitler e delle sue ambizioni artistiche, questo secondo capitolo si svolge a Berlino all’inizio degli anni Trenta, una città teatro di inquietudini, fantasmi e desideri, al bivio tra la sfrenata libertà della Repubblica di Weimar e la cupa tragedia dell’inferno nazista.

Incendi è il secondo capitolo della trilogia dedicata alla figura di Hitler, dopo La Gloria, ambientato a Vienna e incentrato sulle ambizioni artistiche del dittatore. In una sera di gennaio, la giovane Sabine arriva in una Berlino gelida e innevata per iniziare l’università. Incontra un ragazzo, Marinus, che le offre un alloggio e due sovversivi studenti: Helmut e Ralf. Le sue giornate passano così tra Marinus, il gentile e malinconico amico che nutre un’ossessione per il nuovo cancelliere, e gli eccentrici Helmut e Ralf, che predicano l’avvento del nuovo e l’importanza del superuomo. Potrebbe essere una storia come tante. Però non lo è: il giorno del suo arrivo a Berlino è infatti il 30 gennaio 1933 – l’anziano presidente Hindeburg ha appena nominato cancelliere Adolf Hitler, capo del partito nazionalsocialista. Helmut e Ralf non sono solo due esteti: sono anche membri di spicco della Gioventù Hitleriana. L’amico Marinus è in realtà Marinus Van der Lubbe, un giovane comunista ritenuto il presunto autore dell’incendio del Reichstag. Sabine si ritrova così a vivere e formarsi in una Berlino teatro di inquietudini, fantasmi e desideri, al bivio tra la sfrenata libertà della Repubblica di Weimar e la cupa tragedia dell’inferno nazista. Incendi è la storia di quattro ragazzi, quattro diverse declinazioni del vuoto esistenziale che spinge l’essere umano ad aggrapparsi tenacemente a degli ideali e a identificare un nemico.

 

Fabrizio Sinisi è drammaturgo, poeta e scrittore. Dal 2010 è dramaturg della Compagnia Lombardi-Tiezzi e, dal 2019, artista residente del Centro Teatrale Bresciano. Attivo anche nel teatro d’opera, nel 2017 ha debuttato al Maggio Musicale Fiorentino con il melologo Ravel. Nel 2017 pubblica Tre drammi di poesia, con cui viene selezionato tra i dieci autori italiani del progetto internazionale Fabulamundi. Ha ottenuto la menzione dell’American Playwrights Project, il Premio Testori per la Letteratura e il Premio Nazionale dei Critici di Teatro.

Mario Scandale è un regista. Nel 2015 vince il Premio Claudio Abbado nella sezione regia con “Il Frigo” di Copi. Nello stesso anno dirige Non un’opera buona spettacolo vincitore del Bando dei Teatri del Sacro. Nel settembre 2018 fonda la Compagnia Ginkgo Teatro, di cui è regista, con Luisa Borini, Giulia Quadrelli, Marina Occhionero, Giulia Trippetta e Luca Tanganelli. Nell’estate del 2020 dirige al Teatro Napoli Festival il Dolore di prima, opera prima dell’autrice Jo Lattari. Nell’ottobre 2020 vince il Bando “Foreve Young “promosso da La Corte Ospitale con il testo La Gloria di Fabrizio Sinisi. Nello stesso anno debutta con Rimini del gruppo RMN, spettacolo che si classifica terzo ad In-Box 22.

 

Crediti

INCENDI

progetto Hitler – secondo capitolo

di Fabrizio Sinisi

con Alessandro Bay Rossi, Dario Caccuri, Marina Occhionero, Luca Tanganelli

regia Mario Scandale

luci Camilla Piccioni

video Leo Merati

assistente alla regia Marialice Tagliavini

produzione La Corte Ospitale, Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico

con il sostegno di MiC e Regione Emilia-Romagna

 


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento