Categorie: Cultura Mostre
Municipi: | Quartiere:

Julianos Kattinis in mostra alla Biblioteca Tullio De Mauro

Dal 15 al 30 giugno 2022 nel Parco di Villa Mercede

Espressionismo Ancestrale. Il suggestivo universo, mitologico e onirico, di Julianos Kattinis è protagonista nelle opere, esposte dal 15 al 30 giugno 2022 a Roma, presso la Biblioteca Tullio De Mauro, all’interno del Parco di Villa Mercede.
Artista greco da più di quaranta anni residente a Roma, Kattinis, in occasione di questa esposizione personale, ha scelto di esporre le sue opere su carta, in particolare litografie, serigrafie, monotipi e lavori realizzati con tecnica mista nel corso della sua lunga carriera artistica.

Ciascuna delle opere del pittore è una storia rivelata, ricca di suggestioni e rimandi alla mitologia e alla vita vissuta. Quella di Kattinis è un’arte che coinvolge emotivamente, trascinando lo spettatore in un mondo enigmatico, ancestrale, fortemente connotato di simboli. Visioni panteistico-metafisiche della realtà, le sue opere sono caratterizzate da stratificazioni segniche e coloristiche che si dispongono le une sulle altre, si sovrappongono, si intersecano, si fondono tra loro, creando un tessuto onirico e sensuale, atavico e criptico.

Le sue figure, inondate di luce,  sono arcaiche e moderne al tempo stesso, memori delle civiltà millenarie del Mediterraneo.

La donna è spesso protagonista nell’arte di Kattinis, è una dea arcaica che conserva in sé tutta la forza e la potenza della Madre Terra, l’amore ma anche la forza distruttrice della Natura. I volti femminili sono sempre enigmatici e la fissità dello sguardo, che va oltre l’apparire, verso qualcosa di profondo e lontano, proviene dalle icone bizantine; la loro sacralità, generatrice di vita, è insita nel credo panteista dell’artista.
“La pittura è una cosa mentale”. Questa frase di Leonardo da Vinci sintetizza simbolicamente tutta l’opera di Kattinis. Per lui il rapporto con l’arte è qualcosa di mistico, è passione che rende svegli nel cuore della notte, magnetismo che fa restare davanti all’opera finché l’ultimo tassello è al suo posto. Solo in quel momento l’artista stesso può vedere il risultato del suo creare, nato sulla tela direttamente come prolungamento della sua psiche. I graffiti primitivi, l’arte assira, egiziana, etrusca, greca, africana, e ancora Michelangelo, oggetto della sua tesi all’Accademia di Belle Arti, l’Impressionismo, l’Espressionismo, la Metafisica, il Surrealismo, de Chirico, Chagall, Picasso, Kandisnky, Mirò, Klee, ma anche Campigli, Mastroianni, tutta l’arte, dalle origini al Novecento, riaffiora nelle opere di Kattinis, sedimentata, “vissuta” in composizioni sempre diverse per una ricerca in continuo divenire. Kattinis ha partecipato su invito alla Biennale di Venezia del 1964. Ha inoltre esposto le sue opere in molte sedi prestigiose, pubbliche e private, in Italia e all’estero.

VIDEO

https://www.facebook.com/watch/?v=1039709656919017

Julianos Kattinis. Espressionismo Ancestrale

15 – 30 giugno 2022

Roma, Biblioteca Tullio De Mauro, Via Tiburtina 113, (all’interno del Parco di Villa Mercede)

Inaugurazione: mercoledì 15 giugno, ore 17.00 -19.00

Presentazione critica a cura di Cinzia Folcarelli

Orari:  lunedì 13.00 – 19.00, martedì – giovedì 9.00 -19.00, venerdì 9.00-15.00, sabato 9.00-13.00, domenica e festivi chiuso

Ingresso gratuito

L’artista è presente su Wikipedia, Facebook, Instagram. Per ulteriori informazioni www.julianoskattinis.it, Cinzia Folcarelli 349 1910205, cinzia.folcarelli@gmail.com

Noleggio attrezzature a Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati