La droga nascosta nelle scatole dei biscotti: maxi sequestro nella Capitale

La droga veniva trasportata tramite inconsapevoli turisti iraniani in arrivo in città

Per trasportare la droga utilizzavano le scatole in latta con i gaz. Sono i torroncini al pistacchio tipici di Esfahan, una delle delle tante delizie culinarie della Persia (Iran). Droga persiana che poi veniva immessa nelle piazze di spaccio romane. Un fiorente business, allestito da marito panettiere e moglie, due insospettabili, arrestati assieme ad altre quattro persone al termine di una indagine dei carabinieri coordinata dalla procura della Repubblica di Roma.

Le attività investigative, condotte dai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Roma Centro sono scaturite a seguito dell’arresto operato a giugno 2021 nei confronti di un cittadino bengalese, trovato in possesso di 530 grammi di shaboo. Da qui sono stati raccolti gravi elementi indiziari in ordine alla presenza di un gruppo criminale per conto del quale l’arrestato deteneva la sostanza.

Le indagini eseguite mediante attività tecniche e telematiche, associate come sempre ai servizi tradizionali di pedinamento e osservazione, hanno consentito di mettere insieme gravi indizi di colpevolezza  a carico di colui che viene considerato il capo e coordinatore unico del gruppo, un cittadino iraniano, in Italia da circa 25 anni, già agli arresti domiciliari per analogo reato il quale, sfruttando anche i permessi lavorativi come panettiere, dirigeva da remoto e avvalendosi di gregari e collaboratori ai vari livelli, i rapporti sia con gli acquirenti che con i “galoppini” e i fornitori di shaboo di stanza in Iran.

Proprio nei confronti di colui che viene considerato il capo e della moglie – anche lei membro del gruppo con compiti logistici e operativi – i carabinieri della compagnia di Roma Centro hanno eseguito una perquisizione disposta dalla procura della Repubblica che ha permesso di rinvenire e sequestrare all’interno di un appartamento 2,3 chili di shaboo e 1,4 chili di oppio, abilmente occultati nel doppio fondo di confezioni, completamente integre, di dolci tipici dell’Iran, comportando l’arresto della coppia.

La successiva analisi degli apparati telefonici sequestrati alla coppia ha poi permesso di ricostruire il canale di approvvigionamento dello stupefacente sintetico che veniva prodotto in Iran e inviato in Italia, grazie alla collaborazione in terra persiana di un sodale non compiutamente identificato, che avvalendosi dell’inconsapevole apporto di alcuni turisti iraniani diretti a Roma, che mettevano a disposizione una porzione del proprio bagaglio, convinti di aiutare dei connazionali a portare in Italia “i sapori” della loro terra (i biscotti appunto), importavano in Italia lo stupefacente rischiando inoltre, se arrestati in Iran, la pena capitale.

Una volta in Italia, lo stupefacente sotto forma di prodotti dolciari, veniva ritirato dalla madre o dalla moglie del capo dell’organizzazione e stoccato in depositi prima di essere immesso sul mercato capitolino sfruttando la manodopera a basso costo offerta da cittadini filippini e bengalesi.

È stata dunque ricostruita l’importazione di ben 21 chili di shaboo e 3 chili di oppio nel periodo ricompreso tra aprile e novembre 2021, e la successiva commercializzazione anche al dettaglio, e cristallizzata la posizione di 13 indagati a vario titolo per i reati di spaccio, detenzione ed importazione dall’estero di sostanze stupefacenti.

Nel corso dell’attività, a riscontro delle indagini, i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Roma Centro hanno eseguito 6 arresti in flagranza di reato, convalidati, sequestrate sostanze stupefacenti del tipo metanfetamina, comunemente detta “shaboo”, per un peso complessivo di oltre 3 chili del tipo oppio per un peso complessivo di 1,5 chili nonché la somma in contanti di 25.000 euro ritenuta provento dell’attività di spaccio.

All’alba di oggi i carabinieri, a conclusione dell’indagine, durata circa sei mesi e diretta dalla Procura della Repubblica di Roma – gruppo reati gravi contro il patrimonio e gli stupefacenti, hanno dato esecuzione a un’ordinanza che dispone l’applicazione di misure cautelari, emessa dal Gip del tribunale di Roma, nei confronti delle sei persone di nazionalità iraniana, filippina e bengalese, perché gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di traffico internazionale, spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti del tipo metanfetamina, comunemente detta “shaboo” ed oppio.

L’operazione, scattata alle prime ore di questa mattina, ha impegnato i Carabinieri nella provincia di Roma, dove sono stati localizzati i 6 indagati, 4 destinatari della misura della custodia cautelare in carcere, due uomini, una donna iraniani e un uomo del Bangladesh; una donna filippina agli arresti domiciliari; una donna iraniana destinataria della misura del divieto di dimora in Roma.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati