La Pro Loco di Passoscuro chiede un Consiglio comunale aperto

Inviata una lettera l'8 luglio 2009. Richiesto il ripristino del ponte crollato per essere di nuovo collegati all'Aurelia
di Franco Leggeri - 13 Luglio 2009

Fiumicino-Passoscuro. La Pro Loco di Passoscuro, con una lettera inviata l’8 luglio 2009, ha chiesto un Consiglio Comunale aperto ai cittadini.

La richiesta è firmata oltre che dal Presidente della Pro Loco anche da :Comitato Cittadino di Palidoro, Rappresentanza Chioschi Bar Passoscuro, Stabilimenti Balneari, Ass. Commercianti e Ristoratori e dai Ass. Distributori Carburanti.

Della questione se ne era occupato anche il TG Regionale alcuni mesi fa. Gli abitanti della zona avevano indetto una manifestazione di protesta essi chiedevano il ripristino del ponte crollato al fine di essere nuovamente collegati alla Via Aurelia. La situazione è diventata più disagevole con l’arrivo dei bagnati e turisti provenienti da Roma.

La Pro Loco di Passoscuro si è fatta portavoce dei cittadini e degli operatori commerciali di zona scrivendo una lettera, l’8 Luglio-prot. 50975, a tutte le formazioni politiche che siedono nell’aula comunale di Fiumicino. Con la lettera, la Pro Loco chiede un Consiglio Comunale aperto per poter esporre le problematiche scaturite dalla chiusura di Via Filippo Cuggiani, chiusura dovuta all’abbattimento del ponte. La Pro Loco chiede che i cittadini possano intervenire nel dibattito e verificare quanto la Giunta Comunale stia realmente adoperandosi per la soluzione dell’annosa vicenda che sino ad oggi non è stata ancora risolta.

I cittadini e la Pro Loco fanno notare che ancora non si sono avute risposte concrete da parte di nessuno. Con il perdurare di questa situazione, strada chiusa, sussistono disagi per la viabilità,sicurezza, trasporto pubblico e privato. I cittadini non riescono ad avere “certezze” né da parte del Comune né da parte dell’ANAS.

Ci dice un cittadino:“ Abbiamo solo voci di corridoio, nessun documento ufficiale, nessun incontro con i cittadini. Niente segnali che possano rassicurarci.” Aggiunge una signora:” I mezzi Cotral e lo scuolabus sono costretti a transitare su di un ponticello che scavalca il fiume Tre Denari, per regolare il transito vi è un semaforo e quindi code e ritardi nell’andare a lavoro”. Un altro cittadino ci dice :” Sono un camionista con il mio camion non posso transitare in quanto il ponticello è interdetto ai mezzi superiori alle 3,5 tonnellate”.

Un ristoratore  fa notare la mancanza della più elementare segnaletica stradale:” Gli automobilisti, che non sono di zona, hanno serie difficoltà per raggiungere la Via Aurelia, specialmente la notte”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti