Ladispoli, armato di coltello tenta la rapina: Fermato

Arrestato 50enne con precedenti

Sono stati dei momenti di vera paura quelli vissuti nella giornata di Sabato 20 Gennaio 2024 da alcuni dipendenti e clienti dell’Hotel Miramare di Ladispoli. Intorno alle 20.30 un uomo, un pregiudicato 52enne, è entrato nell’albergo e ha estratto un coltello con una lama di almeno 30 centimetri, minacciando il portiere e tentando di farsi dare i soldi della cassa.

Dopo essersi introdotto nella struttura ricettiva, in un periodo tranquillo sul fronte della presenza turistica dopo l’assalto delle feste di Natalizie, aveva raggiunto il desk della reception, e guardando negli occhi il personale  dell’accoglienza, aveva dichiarato solo a voce le sue intenzioni criminali.

Poche parole prima di tirare fuori un coltello per rendere più credibile una rapina, che lui stesso però, avrebbe smontato in un attimo dichiarando: “Chiamate il 112 e fatemi arrestare”.

Una richiesta inaspettata che il personale ha ovviamente messo subito in atto, ma alla quale è seguito un gesto ancora più incredibile quando l’uomo ha aggiunto “Io esco ma non scappo. Li aspetto fuori”.

Quando i poliziotti che erano in zona impegnati in un altro arresto per detenzione e spaccio di stupefacenti, sono arrivati sul posto, è lì infatti che  hanno trovato il cinquantenne, che all’identificazione è risultato con svariati precedenti.

L’uomo tratto in arresto ha poi concluso la sua serata nel carcere di Civitavecchia, forse dove aveva proprio sperato di finire alla fina di questa breve vicenda, che potrebbe aver montato a regola nel bisogno di essere preso in custodia dalle Forze dell’Ordine.

Una storia di disagio che se fosse confermata deve far riflettere, anche se non sono ancora note le ragioni del suo repentino pentimento dopo la tentata rapina.

Non è da escludere – secondo quanto riferiscono alcuni testimoni della zona – che lo abbia fatto per non passare la notte al freddo o per la paura di qualcuno che poteva avercela con lui”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati