Municipi: ,

L’anticipazione di “Die Welt”? – Quel vergognoso “Salta, salta” tedesco – La Commissione assolve, la Procura indaga – I nuovi profeti di Santa romana Chiesa – Benigni e la cena con Obama

Fatti e misfatti di ottobre 2016

L’anticipazione di “Die Welt”?

“Il Governo Renzi – ha pubblicato il quotidiano tedesco “Die Welt” – ignora le regole europee, ne va respinta la manovra economica e all’Italia vanno applicate le giuste sanzioni”.

Un autorevole anticipazione di quella che potrebbe essere la posizione di Bruxelles? La risposta da un momento all’altro. Quando arriverà, sul tavolo di Palazzo Chigi, la letterina europea. Che, secondo tutti i pronostici, dovrebbe essere no alla manovra economica e sì ad opportune modifiche pena sanzioni. Tempo a disposizione: entro metà di dicembre. Sia Renzi che il Ministro dell’Economia Padoan, ai quali ha creduto vantaggioso accodarsi, ora, anche il Ministro dell’Interno Alfano, hanno però fatto sapere che Bruxelles può pure non essere d’accordo con la manovra tanto loro non la cambieranno. All’orizzonte, insomma, un vero e proprio braccio di ferro. Anche se tra forze chiaramente squilibrate. L’augurio, comunque, è che non vinca il più forte, ma il più dalla parte giusta.  Che questa volta, fatti e dati alla mano, non sembrerebbe affatto Bruxelles.

Quel vergognoso “Salta, salta” tedesco

“Un immigrato di 17 anni – nella cittadina tedesca di Schomolin – si è ucciso gettandosi dal quinto piano di un edificio”.

Un episodio tristissimo. Accompagnato, vergognosamente, dal comportamento di una folla davanti a quell’edificio. Una folla che, mentre il giovane immigrato era ancora in piedi sul davanzale della finestra, ha cominciato ad incitarlo “Salta, salta”. Finché lui non è saltato giù e molti lo hanno fotografato con i cellulari. La Cancelliera Angela Merkel, due giorni fa, ha rimproverato quelli del suo partito perché “non cantano più i cori di Natale”. Ora dovrebbe condannare duramente, invece, quei suoi tedeschi che si divertono a far saltare un povero immigrato di 17 anni dal quinto piano di un edificio. Mentre i tanto snobbati italiani, di immigrati, ne salvano, da morte, centinaia al giorno.

La Commissione assolve, la Procura indaga

“La Commissione inviata dal Ministero della Salute – per far luce sulla morte, all’ospedale “Cannizzaro” di Catania, di Valentina Milluzzo e dei due gemellini che portava in grembo – non avrebbe rilevato anomalie nella gestione dell’emergenza da parte dei medici del reparto ostetricia e ginecologia”.

Come dire: Valentina Milluzzo ha ucciso lei i suoi due gemellini e poi si è suicidata. L’ultima parola, comunque, alla Procura di Catania la quale ha creduto opportuno dedicare più tempo e più approfondimento alla triste vicenda. E intanto, invece di assolvere sbrigativamente gli otto medici del reparto ostetricia e ginecologia, li ha iscritti, per omicidio colposo plurimo, nel registro degli indagati. Si starà a vedere. Sempre che non arrivi prima, in qualche modo, la dottoressa prescrizione.

I nuovi profeti di Santa romana Chiesa

“In “Do Cat” – il nuovo compendio della dottrina della Chiesa rivolto ai giovani e appena dato alle  stampe – oltre a citazioni bibliche, di santi e di teologi, sono riportati “slogans” e frasi di personaggi come il magnate Bill Gates, i comunisti Karl Marx e Nikita Krusciov, uno dei peggiori della vecchia Dc, Oscar Luigi Scalfaro”.

I nuovi profeti dell’anno 2016 dopo Cristo?.

Benigni e la cena con Obama

“La cena con il Presidente Obama alla Casa Bianca? – ha pensato di scherzare, alla “Festa  del cinema” a Roma, Roberto Benigni – Ad un certo punto si è intrufolato Matteo Renzi”.

E giù tutti a ridere. Roberto Benigni, invece, avrebbe fatto bene a dire seriamente come e perché, alla cena con il Presidente Obama alla Casa  Bianca, si sia intrufolata sua moglie Nicoletta Braschi. Ma così, forse, non avrebbe fatto ridere nessuno.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati